METODI E TECNICHE DI INTERVENTO RIABILITATIVO IN COMUNITÀ, IN CONTESTI RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI

METODI E TECNICHE DI INTERVENTO RIABILITATIVO IN COMUNITÀ, IN CONTESTI RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI

_
iten
Codice
66983
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
2 cfu al 3° anno di 9286 TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/48
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L’acquisizione o la ri-acquisizione di un ruolo sociale dignitoso non è un obiettivo che si raggiunge casualmente, necessita di un metodo di lavoro sistematico, che includa un insieme chiaro e definito di principi e di valori, tradotti in un processo di aiuto strutturato, diviso in fasi, ognuna della quali con un determinato scopo.

Questa procedura, chiamata processo riabilitativo, si articola in diverse attività, tutte necessarie per raggiungere l’esito.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere l'approccio clinico nei servizi psichiatrici territoriali e sviluppare la capacità di definizione progettuale nel trattamento integrato e prevenzione del drop out. Conoscere la storia, gli attuali sviluppi dell'organizzazione dei servizi psichiatrici, le funzioni, indicazioni e prassi terapeutico-riabilitative delle comunità terapeutiche, gli interventi riabilitativi nella comunità naturale, terapeutica e nei contesti semi-residenziali e residenziali, gli approcci strutturati per l'inserimento lavorativo protetto o competitivo ed i trattamenti individuali per il reinserimento in comunità, affinando lo strumento emotivo dello studente. Conoscere l'organizzazione dei servizi socio-sanitari con particolare riferimento ai servizi psichiatrici, loro articolazione organizzativa, mission e cornice legislativa. Acquisire le principali nozioni di servizio sociale professionale e sua integrazione coi servizi sanitari.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

A conclusione delle lezioni lo studente dovrà:

  • conoscere in modo approfondito la metodologia utilizzata dal Center for Psychiatric Rehabilitation di Boston e da Spivak;
  • conoscere le fasi del processo riabilitativo: la diagnosi riabilitativa, la pianificazione degli interventi e l’attuazione degli interventi;
  • saper progettare in modo dettagliato un intervento riabilitativo in ambito di comunità, contesto residenziale e semi-residenziale;
  • conoscere per saper applicare le conoscenze acquisite nei diversi contesti sanitari e di cura in cui si troverà a svolgere le proprie prestazioni utilizzando le tecniche apprese;
  • conoscere in modo approfondito come si sviluppa e si progetta un percorso d’integrazione lavorativa a partire dalla motivazione del candidato e dalla valutazione delle sue abilità;
  • conoscere gli aspetti  teorici e la metodologia operativa dell’intervento domiciliare e territoriale.

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, suddivise in tre parti per un totale di 20 ore. Nel corso delle lezioni si farà frequentemente ricorso ad esemplificazioni cliniche che avranno lo scopo di completare e ampliare i concetti teorici esposti.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Parte 1: il processo riabilitativo

  1. Il processo riabilitativo secondo il Center for Psychiatric Rehabilitation di Boston e secondo Spivak
  2. Il processo di cambiamento
  3. La prontezza alla riabilitazione (motivazione al cambiamento)
  4. Indicatori della prontezza alla riabilitazione (motivazione al cambiamento)
  5. Sviluppare la prontezza alla riabilitazione (motivazione al cambiamento)
  6. Il “ successo senza richieste”
  7. Le attività motivazionali
  8. Le resistenze al cambiamento
  9. Stabilire l’obiettivo riabilitativo
  10. La valutazione del funzionamento
  11. La Diagnosi di Competenza Sociale e il piano di trattamento nel metodo Spivak
  12. La valutazione delle risorse
  13. I metodi di insegnamento delle abilità
  14. Programmare l’uso delle abilità
  15. La  “dimensione adattativa al traguardo” di Spivak

Parte 2: aree di intervento della Riabilitazione Psichiatrica: il lavoro

  1. Definizione di ruolo lavorativo
  2. Pregiudizi che continuano ad esistere in tema di lavoro
  3. Impatto della disabilità psichiatrica sulle performance lavorative: area interpersonale, area cognitiva, area emotiva, area fisica
  4. Facilitazioni sul posto di lavoro
  5. Percorsi d’integrazione lavorativa: la valutazione del candidato

      6.  La valutazione delle funzioni mentali del candidato al lavoro

Parte 3: L’intervento domiciliare e il territorio: aspetti teorici e metodologia operativa

  1. Attività professionale e modalità operativa
  2. L’intervento domiciliare in ambito riabilitativo
  3. Intervento al domicilio: ambiti di riflessione

   

TESTI/BIBLIOGRAFIA

P. Carozza “Principi di riabilitazione Psichiatrica. Per un sistema di servizi orientato alla guarigione”, Franco Angeli, 2006

P. Carozza “La Psichiatria di Comunità tra scienza e soggettività. Linee di pratica clinica nei Servizi di Salute mentale”, Franco Angeli 2010

La docente fornirà il materiale didattico delle lezioni.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Per appuntamenti inviare una email al seguente indirizzo: piera.morosi@libero.it

Commissione d'esame

MARCO MOLLICA (Presidente)

PIERA MOROSI

GIOVANNI GIUSTO

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, suddivise in tre parti per un totale di 20 ore. Nel corso delle lezioni si farà frequentemente ricorso ad esemplificazioni cliniche che avranno lo scopo di completare e ampliare i concetti teorici esposti.

INIZIO LEZIONI

Primo semestre

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame verrà svolto in forma orale

Modalità di accertamento

L’esame verrà svolto in forma orale e verterà sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali; avrà lo scopo di valutare se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze ma anche se ha una buona capacità di esporre il suo personale e critico punto di vista. Lo studente dovrà dimostrare di padroneggiare gli argomenti attraverso un uso proprio e specifico di termini che definiscono il metodo di trattamento, le tecniche e gli strumenti che sono stati approfondite nel corso delle lezioni. Particolare attenzione sarà posta alla capacità espositiva e alle abilità comunicative dimostrate dallo studente.