LEGISLAZIONE OSTETRICA E ORGANIZZAZIONE DELLA PROFESSIONE

LEGISLAZIONE OSTETRICA E ORGANIZZAZIONE DELLA PROFESSIONE

_
iten
Codice
67816
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
2 cfu al 2° anno di 9278 OSTETRICIA (L/SNT1) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/47
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (OSTETRICIA)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Lo studente alla fine del corso sarà in grado di:

  • Conoscere le tappe fondamentali della storia della professione ostetrica applicata all’evento nascita.
  • Comprendere l’excursus legislativo sanitario italiano relativo alla professione ostetrica
  • Individuare gli ambiti operativi di competenza dell’ostetrica/o aspetti legislativi e i modelli organizzativi 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento di pone l’obiettivo di:

-fornire agli studenti le nozioni base in materia di normative nazionali che delineano i campi di competenza, autonomia e responsabilità della professione ostetrica

- fornire agli studenti una generale comprensione dell’excursus legislativo italiano relativo al Dipartimento Materno Infantile ed in particolare alla professione ostetrica

- introdurre le tematiche relative alle implicazioni medico-legali e alla responsabilità civile e penale della professione

- far acquisire agli studenti la capacità di agire nei propri campi di competenza attribuendo valore giuridico e di ricerca alle proprie scritturazioni

- sviluppare negli studenti la capacità di sapere attribuire il valore epidemiologico nazionale del CedAP /le conoscenze in materia di gestione della documentazione

 

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI:

Al termine dell’insegnamento, lo studente sarà in grado di:

  • Conoscere l’excursus legislativo sanitario della professione ostetrica
  • Conoscere il Dipartimento Materno Infantile e il Progetto Obiettivo Materno Infantile (POMI)
  • Riconoscere l’autonomia e la responsabilità dell’ostetrica/o
  • Applicare le leggi che governano la professione
  • Valutare criticamente gli aspetti legali e di responsabilità mediante un dibattito costruttivo su casi clinici/ostetrici proposti
  • Distinguere le competenze della professione ostetrica dalla analisi delle normative vigenti: dal Profilo professionale (1994) al D. Lgs. 206/2007 e sua modifica (D. Lgs. 15/2016).
  • Comparare l’autonomia, la collaborazione e la responsabilità del proprio agire
  • Classificare il valore delle scritturazioni dell’ostetrica/o come strumenti di clinica e di ricerca
  • Descrivere analiticamente gli ambiti operativi di competenza dell’ostetrica/o, gli aspetti legislativi e i modelli organizzativi
  • Spiegare il valore epidemiologico nazionale del Certificato di Assistenza al Parto (CedAP) e saper analizzare i dati rivelati dal flusso informativo

Modalità didattiche

L’insegnamento è articolato in lezioni frontali in cui verrà esposta la teoria dall’insegnante. Agli studenti sarà data la possibilità di un confronto aperto e costruttivo su casi di competenza dell’ostetrica/o, autonomia e responsabiltà.

Videoproiettore e computer per le presentazioni in formato Power Point.

PROGRAMMA/CONTENUTO

  1. Le Competenze base dell’ostetrica/o dal profilo professionale al Dlgs 206/2007 e sua modifica (D. Lgs. 15/2016)
  2. L’autonomia e la collaborazione dell’ostetrica/o
  3. La responsabilità civile, penale, amministrativa e deontologica della professione ostetrica
  4. Il valore legale e di ricerca delle scritturazioni dell’ostetrica/o e la gestione della documentazione
  5. Il Certificato di Assistenza al Parto (CedAP): strumento epidemiologico nazionale
  6. Il Dipartimento Materno-Infantile (DMI) e il Progetto Obiettivo Materno Infantile

TESTI/BIBLIOGRAFIA

le competenze infermieristiche e ostetriche. metodi e strumenti per costruirle e comunicarle.

M. Camera, M.R. Mascolo –, liberiauniversitaria.it edizioni, Webster srl, 12/2012

La disciplina ostetrica. Teoria, pratica e organizzazione della professione. M. Guana. 9/2011, McGraw Hill

Guida all’esercizio della professione di ostetrica. Edizioni Medico Scientifiche 2008

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Si ricevono gli studenti nelle giornate di lezione, presso il Pad. 1 dell’ospedale S. Martino, previo appuntamento, e-mail: mascolorosaria@tiscali.it

Commissione d'esame

GIANCARLO ICARDI (Presidente)

ELISA FERRO (Presidente)

DOMENICO AVENOSO

ANDREA BRUGNOLO

MARIA ROSARIA MASCOLO

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento è articolato in lezioni frontali in cui verrà esposta la teoria dall’insegnante. Agli studenti sarà data la possibilità di un confronto aperto e costruttivo su casi di competenza dell’ostetrica/o, autonomia e responsabiltà.

Videoproiettore e computer per le presentazioni in formato Power Point.

INIZIO LEZIONI

Vedi calendario lezioni II semestre con inizio a marzo

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame si compone di una prova scritta con domande chiuse a scelta multipla che comprenderanno l’intero programma svolto.

Lo studente dovrà rispondere correttamente almeno al 75% selle domande

Modalità di accertamento

La prova scritta consente di valutare l’acquisizione e le conoscenze delle riforme della professione ostetrica/o negli ultimi vent’anni, sia nell’aspetto ordinamentale che in quello formativo, in particolare, il riconoscimento normativo dell’Ostetrica/o iniziato nel 1994, con il profilo professionale, per terminare con al D.Lgs. 2016/07 e sue modifiche con il D.Lgs. 15/2016.

La valutazione verte sulla apprendimento:

- delle normative vigenti per l’esercizio della professione ostetrica

- dei concetti di responsabilità civile, penale amministrativa e deontologica

- delle differenze del proprio agire in autonomia, in collaborazione e con responsabilità

- del valore delle scritturazioni dell’ostetrica/o come strumenti di clinica e di ricerca

- gli ambiti operativi di competenza dell’ostetrica/o, gli aspetti legislativi e i modelli organizzativi del DMI e del POMI

- del valore epidemiologico nazionale del Certificato di Assistenza al Parto (CedAP) e saper analizzare i dati rivelati dal flusso informativo