MODELLAZIONE TRIDIMENSIONALE

MODELLAZIONE TRIDIMENSIONALE

_
iten
Codice
61218
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 1° anno di 9008 DESIGN NAVALE E NAUTICO (LM-12) LA SPEZIA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ICAR/17
LINGUA
Italiano
SEDE
LA SPEZIA (DESIGN NAVALE E NAUTICO)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso intende approfondire il ruolo della modellazione come metodo per la gestione dello sviluppo di tutto l'apparato grafico necessario allo sviluppo di un progetto.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il modulo ha l’obiettivo di far raggiungere agli studenti una conoscenza avanzata nell’utilizzazione dei software C.A.D. (Computer Aided Design), con il fine da un lato di fornire loro i concetti teorici e pratici della modellazione per superfici in ambiente informatico e dall’altro di essere in grado, attraverso esercitazioni pratiche svolte durante il corso, di costruire i propri modelli tridimensionali digitali.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Obiettivi formativi del corso sono l raggiungimento della capacità tecnica nella modellazione di uno scafo e la consapevolezza, in materia di processi progettuali, del ruolo di matrice determinante ricoperto dallo studio della carena.

In particolare si intende approfondire la ricaduta della attività di modellazione di parti sostanziali, quali ad esempio lo scafo, sullo sviluppo di ulteriori fasi progettuali e della loro corretta e puntuale rappresentazione.

I risultati sono ferificati attraverso lo svilupo di esercitazioni e dell'elaborato finale costituito da un modello digitale.

Modalità didattiche

Le lezioni si articolano in un prima fase espositiva teorica in cui si espongono non solo i principi della modelllazione digitale ma anche  gli sviluppi e la articolazine delle fasi progettuali correlate proprio allo studio dela carena. Alle fasi teoriche seguono esercitazioni mirate all'approfondimento dei temi affrontati.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Ilprogramma del corso di articola sull'analisi e la lettura critica di elaborati grafici derivati dallo sviluppo di modelli tridimensionali: a partire dal Piano di Costruzione, si valutano quindi gli elaborati fondamentali da esso derivati in termini costruttivi quali ad esempio sezioni maestra, piano dei ferri, sviluppi fasciame, tracciati sovrastrutture fino ad arrivare ad alcuni esempi di allestimento.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Principi generali rispetto allo sviluppo del progetto in termini di manifacturing:

M.E. RUGGIERO, Note sull'evoluzione del disegno nel progetto navale, Rapallo, 2007

M.E. RUGGIERO, Point of view, Genova, 2017

Principi teorici:

G. RUSSO KRAUS, Geometria dei gallegianti, Livorno, 1998

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il docente è a disposizione degli studenti il Venerdi dalle 8,30  alle 9,30 (primo semestre).

Commissione d'esame

STEFANO TORRE (Presidente)

MARIA ELISABETTA RUGGIERO (Presidente)

MARCO FERRANDO (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Le lezioni si articolano in un prima fase espositiva teorica in cui si espongono non solo i principi della modelllazione digitale ma anche  gli sviluppi e la articolazine delle fasi progettuali correlate proprio allo studio dela carena. Alle fasi teoriche seguono esercitazioni mirate all'approfondimento dei temi affrontati.

INIZIO LEZIONI

le lezioni dell'anno Accademico 2018/2019 inizieranno a febbraio del 2019 e si concluderanno a iugno del medesimo anno

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consta di una parte applicativa in cui viene sviluppata una esercitazione assegnata. La consegna dell'elaborto può essere accompagnata da una parte orale.

Modalità di accertamento

L'avanzamento dell'elaborazione finale viene accertato in corso di opportune revisioni