TECHNOLOGIES FOR GOODS SAFETY AND SECURITY

TECHNOLOGIES FOR GOODS SAFETY AND SECURITY

_
iten
Codice
90470
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
5 cfu al 2° anno di 10377 SAFETY ENGINEERING FOR TRANSPORT, LOGISTICS AND PRODUCTION (LM-26) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/17
LINGUA
Inglese
SEDE
GENOVA (SAFETY ENGINEERING FOR TRANSPORT, LOGISTICS AND PRODUCTION)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

This course will have emphasis on the vulnerability of the complex technical infrastructures on which modern industrial society depends. Technological solutions for the preventive surveillance of production and the availability of failsafe procedures for emergency responders will be discussed and presented including some application of IOT for goods safety and security.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso affronta le due principali minacce relative al trasporto ed alla distribuzione delle merci: il terrorismo e i disastri naturali. Tali eventi possono avere un impatto devastante sulla rete globale di scambio delle merci e richiedono una attenta serie di misure di prevenzione e protezione. Partendo dall'analisi di eventi reali tratti dalla storia degli ultimi 40 anni il corso identifica le principali azioni a prevenzione e protezione, l'evoluzione dell'approccio analizzando le tecnologie più recenti e le risorse disponibili. Il corso affronta in maniera attenta la recente legislazione USA sul fenomeno dato il suo impatto sulla rete mondiale degli scambi. Sono previste esercitazioni in aula e business games articolato su più giorni che prevede la simulazione di una "missione di soccorso" utilizzando la piattaforma Sahana Eden.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Parte 0 - Introduzione al concetto di Homeland Security
    •    Introduzione, nozione di Homeland Security (HS), analisi di atti terroristici e di sabotaggi (Samuel Byck, 9/11)
    •    Dettaglio della nozione di HS, ambiti di applicazione e dominio di gestione
Parte 1 - Minacce da atti terroristici e disastri naturali
    •    Il terrorismo internazionale e l'evoluzione dei disasti naturali, elementi di analisi e caratterizzazione del fenomeno
    •    Lo sviluppo della normativa di protezione USA (Patriot Act) e suo impatto sui flussi globali di merci e persone
    •    Organizzazione del DHS e sua strutturazione per linee di azione
    •    Il ruolo dell'intelligence e del coordinamento come strumento di prevenzione e protezione
    •    Strategie di protezione (anti-terrorismo e contro-terrorismo)
    •    Piani di contingenza: una metodologia per aumentare la readiness agli eventi avversi
    •    Le minacce Chimiche, Batteriologiche, Radioattive e Esplosive: criteri di protezione delle merci in transito ed in deposito.
    •    Il processo di mitigazione dei rischi: azioni e strumenti operativi per incrementare la sicurezza.
    •    I sistemi di gestione delle emergenze, criteri organizzativi per assicurare i rifornimenti e gli aiuti nelle aree colpite.
    Business Game: supportare una comunità dopo un evento sismico mediante la piattaforma cooperativa Sahana Eden (https://sahanafoundation.org/products/eden/)
    •    Il ruolo della politica nella gestione delle minacce terroristiche, da guerra asimmetrica e da evento naturale.
    •    Aspetti legali ed impatto sulla libera circolazione delle merci, delle persone e delle idee.
Parte 2 - Tecnologie abilitanti  per la sicurezza
    •    Tecnologie per la gestione della sicurezza in ambito IT
    •    Tecnologie per la gestione della sicurezza in ambito trasportistico:
    •    Traffico aereo di merci
    •    Traffico marittimo di merci
    •    Traffico terrestre di merci
    •    Trasporto di merci pericolose in ambito stradale, marittimo e ferroviario
    •    Procedure di sicurezza in ambito marittimo secondo il IMDG Code.
Parte 3 - Metodologie e strumenti per la sicurezza delle merci
    •    Richiami di statistica bayesiana applicata al settore industriale
    •    Metodologie per il supporto alle decisioni: Bayesian analysis, payoff table analysis, decision tree analysis e zero-sum game theory.
    •    Il caso di Viareggio (esercitazione e discussione in aula)
    •    Modelli di simulazione per la valutazione dell'impatto di incidenti industriali nel trasporto di merci pericolose.
    •    Modelli di fallout per rilascio di sostanze pericolose nell'ambiente: lo scenario transient Puff (Esplosione)
    •    Richiami di meccanica delle strutture, determinazione delle caratteristiche di sollecitazione, determinazione dello stato di tensione e deformazione, elasticità e plasticità, collasso plastico, teoremi dell'analisi limite.
    •    Teorie sulla rottura, condizioni di rottura, rottura per sollecitazioni ripetute, criteri di rottura a fatica. Stati limite equivalenti: verifica di sicurezza.
    •    Modelli di effetto per esplosioni, fireball e BLEVE: aspetti strutturali e criteri di protezione per i sistemi di trasporto ed immagazzinamento delle merci.
    Assigment: valutazione degli scenari di incidente e mitigazione del rischio mediante simulazione e analisi degli scenari (DA)
    •    Il problema dell'e-commerce: gestione in sicurezza delle merci e delle procedure di acquisto.

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

•    W.Oliver, N. marion, J, Hill, Introduction to homeland security,
•    A. Guaganano, Perra, F., Dazzi, N., R. REVETRIA, Zaghi, P.,  MAST. (2007). Asymmetric Threat : Maritime border control. Paper presented at the Proceedings of MAST2007.
•    W. Kelton, Randall Sadowski and David Sturrock, Simulation with Arena w/ CD-Rom”  McGraw-Hill Science/Engineering/Math
•    Yih-Long Chan, WinQSB 2.0, Decision Support Software, Wiley International, ISBN 0-471-40672-4.
•    GIRIBONE, P., F.OLIVA, REVETRIA R.,26th IASTED International Conference on Modelling, Identification, and Control MIC'07. (2007). Risk Management of Dangerous Freight Using Montecarlo Simulation: Project and Operation Sides. Paper presented at the Mic2007, Innsbruck.
    
•    Donald Ermak, SLAB User Manual, Lawrence Livermore National Laboratory, USA, 1990 (Public Domain)
•    Yih-Long Chan, WinQSB 2.0, Decision Support Software, Wiley International, ISBN 0-471-40672-4.
•    Riccardo Baldacci, Scienza delle Costruzioni, Vol II, Fondamenti di Meccanica delle Strutture (I-III, V-VI, IX), Edizioni UTET Torino, ISBN 88-02-04634-4, 1997
•    Riccardo Baldacci, Scienza delle Costruzioni, Vol I, Fondamenti di Meccanica dei Solidi (I-IV, VIII), Edizioni UTET Torino, ISBN 88-02-03853-8, 1997
•    http://write.flossmanuals.net/sahana-eden/index/

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

MATTEO AGRESTA (Presidente)

ROBERTO REVETRIA (Presidente)

EMANUELE MORRA

PIETRO GIRIBONE

LORENZO DAMIANI

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame prevede la valutazione singola di ciascuna dei seguenti elementi, il voto è la somma delle singole valutazioni:
1.    La consegna da parte dell'allievo delle relazioni di calcolo relative agli assigments.
2.    La discussione orale di una relazione di approfondimento su uno dei temi trattati a lezione
3.    Un test a risposta multipla su tutte le tematiche oggetto del corso.
4.    La valutazione sulla frequenza alle attività di didattiche (lezioni ed esercitazioni) proposte in aula