OCEANOGRAFIA CHIMICA

OCEANOGRAFIA CHIMICA

_
iten
Codice
61891
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 1° anno di 10590 HYDROGRAPHY AND OCEANOGRAPHY (LM-75) GENOVA

6 CFU al 1° anno di 9018 SCIENZE CHIMICHE (LM-54) GENOVA

6 CFU al 1° anno di 10723 BIOLOGIA ED ECOLOGIA MARINA (LM-75) GENOVA

6 CFU al 1° anno di 10723 BIOLOGIA ED ECOLOGIA MARINA (LM-6) GENOVA

6 CFU al 1° anno di 10723 BIOLOGIA ED ECOLOGIA MARINA (LM-75) GENOVA

6 CFU al 1° anno di 10723 BIOLOGIA ED ECOLOGIA MARINA (LM-6) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
CHIM/12
LINGUA
Inglese
SEDE
GENOVA (HYDROGRAPHY AND OCEANOGRAPHY)
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L'insegnamento di Oceanografia Chimica vale 6 CFU ed è un insegnamento teorico che si tiene nel 2 semestre.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso si propone di fornire una visione aggiornata delle conoscenze relative alla composizione chimica dell’acqua di mare e dei processi che avvengono nell’ecosistema marino che modificano la distribuzione delle principali specie chimiche.

PREREQUISITI

Non sono richieste propedeuticità, ma lo studente deve possedere conoscenze di base di chimica generale e di chimica organica.

Modalità didattiche

Lezioni frontali. A supporto sono fornite su Aulaweb agli studenti le diapositive proiettate durante le lezioni e alcune  dispense di approfondimento.

PROGRAMMA/CONTENUTO

1. Introduzione al corso.1.1 Proprietà dell’acqua 1.2 Acqua di mare come soluzione elettrolitica.

2.Composizione dell’acqua di mare: 2.1  Elementi maggiori, Salinità, definizione e misura; Impiego della salinità come tracciante conservativo della circolazione oceanica; Traccianti chimici (CFC, 3H, He, rapporto isotopico ossigeno).

2.2 Nutrienti: azoto, fosforo, silicio; Impiego dei nutrienti come traccianti chimici; Elementi in tracce come micronutrienti.

2.3  Sostanza organica: Classificazione e distribuzione; Sostanze umiche e fulviche.

2.4 Gas disciolti -Solubilità dei gas in acqua di mare, Scambi atmosfera-oceano; Gas inerti; O2 e CO2.

2.5 Elementi minori e in tracce Classificazione, Tempi di residenza, Cicli biogeochimici. Speciazione di elementi in tracce nella componente biotica, Biodisponibilità, Uptake e  trasformazione da parte degli organismi.

3 Equilibri chimici in acqua di mare. 3.1 Impostazione dei problemi di equilibrio;3.2 Equilibri acido-base: sistema dei carbonati e pH dell'acqua di mare; Equilibri redox;Equilibri di complessamento.

4. La speciazione chimica in fase acquosa  Approccio modellistico; Approccio operazionale

5 Interfacce 5.1 Interfaccia aria-acqua e microstrato superficiale. 5.2 Interfaccia acqua-sedimento

6 Le fasi solide:6.1 Materiale particellato e Sedimenti.6.2 Interazioni di elementi in tracce con le fasi solide: processi di adsorbimento, scambio ionico, precipitazione, complessamento. 6.3 Speciazione di elementi in tracce nelle fasi solide.

7 Metodologie di campionamento e analisi. Elaborazione e interpretazione dei dati.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Frank Millero Chemical Oceanography 4 °edition, 2013 CRC Press

Susan M. Libes Introduction to marine biogeochemistry,  2009, Academic Press

Materiale fornito durante lezioni ed eventuali letture di approfondimento disponibili su Aulaweb. 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Tutti i giorni, su appuntamento

Commissione d'esame

PAOLA FRANCESCA RIVARO (Presidente)

MARIA CARMELA IANNI

MARCO GROTTI

FRANCISCO ARDINI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali. A supporto sono fornite su Aulaweb agli studenti le diapositive proiettate durante le lezioni e alcune  dispense di approfondimento.

INIZIO LEZIONI

A partire dal 25 Febbraio 2019

Per orario e inizio lezioni si prega di consultare il seguente link

http://www.distav.unige.it/ccsambnat/orariolezioni

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

L'esame consiste in una prova orale. L'esame orale è sempre condotto da due docenti di ruolo ed ha una durata di almeno 30 minuti. Con queste modalità, la commissione è in grado di verificare con elevata accuratezza il raggiungimento degli obiettivi formativi dell'insegnamento ponendo domande diversificate inerenti al programma effettivamente svolto durante il corso. Quando gli obiettivi formativi non sono raggiunti, lo studente è invitato ad approfondire le sue conoscenze e ad avvalersi eventualmente di ulteriori spiegazioni da parte del docente titolare.

ALTRE INFORMAZIONI

Frequenza consigliata.