PSICOLOGIA CLINICA – RIABILITAZIONE COGNITIVA, NEUROPSICOLOGICA E NEUROLINGUISTICA

PSICOLOGIA CLINICA – RIABILITAZIONE COGNITIVA, NEUROPSICOLOGICA E NEUROLINGUISTICA

_
iten
Codice
68500
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
2 cfu al 3° anno di 9287 TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA' DELL'ETA' EVOL (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-PSI/08
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA' DELL'ETA' EVOL)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:

PRESENTAZIONE

Gli obiettivi formativi si riferiscono al sapere/saper fare/saper essere relativi alla conoscenza del funzionamento neuropsicologico del soggetto (mappatura funzionale) nello sviluppo fisiologico ed in relazione alle differenti patologie specifiche dell’età evolutiva come base per la progettazione della presa in carico abilitativa/riabilitativa multidisciplinare secondo un’impostazione cognitivista.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere principali meccanismi patogenetici e quadro clinico delle gravi cerebrolesioni in età evolutiva, soprattutto in relazione allo sviluppo neuro e psicomotorio e relazionale e alla integrazione ed agli scopi dei diversi interventi riabilitativi. Impostare l'indagine psicomotoria tramite osservazione specifica al fine di progettare correttamente l'intervento terapeutico e riconoscere l'area di potenziale sviluppo entro cui collocarlo. Saper descrivere i modi di azione e la qualità dell'interazione e della comunicazione non verbale attraverso la valutazione e la corretta impostazione del setting (caratterizzato da elementi quali lo spazio, il tempo gli oggetti e l'attitudine corporea specifica). Conoscere i principali interventi terapeutici e riabilitativi dei disturbi neurocognitivi, neuropsicologici e neurolinguistici in età evolutiva, soprattutto nell'ottica di collaborazione con l'equipe riabilitativa neuropsichiatrica multidisciplinare. Conoscere le principali metodologie didattiche e di intervento educativo, l’uso di modelli teorici e metodologici derivanti dalle ricerche pedagogiche, filosofiche, psicologiche e sociali e i possibili interventi formativi in relazione ai modelli di pratica educativa codificati dalla ricerca corrente. Progettare ed attuare procedure rivolte all'inserimento e al benessere sociale dei soggetti portatori di disabilità e di handicap neuropsicomotorio e cognitivo attraverso le discipline dello spettacolo.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Ambiti formativi pregnanti si riferiscono in particolare a:

- Conoscere: i concetti di neuroplasticità e recupero funzionale, i principi dell’approccio riabilitativo;

  • progettare e realizzare piani di terapia riabilitativa, secondo tecniche rigorose ed efficaci, per il bambino e l’adolescente;
  • acquisire e consolidare l’utilizzo di strumenti riabilitativi avanzati;
  • valutare l’efficacia degli interventi riabilitativi;
  • sviluppare la capacità di lavorare in gruppo e in supervisione.

Modalità didattiche

Lezioni frontali, presentazione di casi clinici, simulazioni/esercitazioni

PROGRAMMA/CONTENUTO

Neuroplasticità e recupero funzionale

Presa in carico e riabilitazione neuropsicologica:

  • Principi dell’approccio riabilitativo

Principi generali e cenni di riabilitazione del linguaggio

Neuropsicologia e Disturbi dello Spettro Autistico

  • La neuropsicologia dell’autismo
  • Dalla valutazione alla presa in carico multidisciplinare
  • Gli interventi terapeutici

Disturbi Specifici di Apprendimento

  • Dislessia/ Disortografia / Disgrafia/ Discalculia
  • Dalla Valutazione (diagnosi clinica e funzionale) alla Presa in Carico Multidisciplinare 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

L’esame verterà prevalentemente su dispense, documenti ed articoli forniti dalla docente.

- Vicari S., Caselli MC. (a cura di), “Neuropsicologia dello sviluppo”, Il Mulino, Bologna,2010.

- Vicari S., Valeri G., Fava L., “L’autismo. Dalla diagnosi al trattamento, Il Mulino, Bologna, 2012.

- Dawson G. e Rogers S., Earl Start Denver Model. Intervento precoce per l’Autismo. Linguaggio, apprendimento e reciprocità sociale. Omega Edizioni, Torino, 2010.

- Marotta L., Caselli MC, “Disturbi del linguaggio. Caratteristiche, Valutazione, Trattamento”.  Ed.Erickson, Trento, 2014.

- Cornoldi C. “Difficoltà e disturbi dell’apprendimento”, Il Mulino, Bologna, 2007.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento Per appuntamenti inviare una mail a: francesca.battaglia.ge@gmail.com  

Commissione d'esame

ELISA DE GRANDIS (Presidente)

FRANCESCA PASSANO

LUCIA SCIARRETTA

SIMONETTA LUMACHI

SAMANTHA ARMANI

DONATELLA COLINA

FRANCESCA MARIA BATTAGLIA

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali, presentazione di casi clinici, simulazioni/esercitazioni

INIZIO LEZIONI

ottobre/novembre

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

La modalità preferenziale sarà esame orale anche per consentire la valutazione del ragionamento pratico e la capacità di coerenza centrale partendo da dati/esempi di casi/situazioni cliniche proposte dal docente.

ALTRE INFORMAZIONI

L’esame non può essere sostenuto se non è stata rispettata la relativa propedeucità.

Trattandosi di esami di Corso Integrato, il non superamento di una singola disciplina prevede la ripetizione dell’intero esame.