NEUROCHIRURGIA INFANTILE

NEUROCHIRURGIA INFANTILE

_
iten
Codice
68399
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
1 cfu al 3° anno di 9287 TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA' DELL'ETA' EVOL (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/27
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA' DELL'ETA' EVOL)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso si prefigge di fornire i rudimenti della patologia neurochirurgica. Lo scopo è quello di favorire un maggior orientamento degli studenti, nella messa in pratica della loro futura attività professionale, dal momento che i pazienti neurochirurgici costituiscono una discreta percentuale dei loro potenziali pazienti

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere le principali problematiche chirurgiche dell'età pediatrica e all'interno dei quadri neurologici, in particolare al fine della corretta impostazione del trattamento neuropsicomotorio nelle disabilità complesse. Conoscere i principi e le principali tecniche di anestesia generale e di analgesia locale e le possibili complicanze. Conoscere le principali problematiche odontostomatologiche dell'età pediatrica e all'interno dei quadri neurologici, in particolare al fine della corretta impostazione del trattamento neuropsicomotorio nelle disabilità complesse. Conoscere le principali metodiche, i principi di indicazione e di utilità delle diverse procedure di diagnostica per immagine relative al sistema nervoso. Conoscere le principali problematiche neurochirurgiche dell'età pediatrica e all'interno dei quadri neurologici complessi, in particolare al fine della corretta impostazione del trattamento neuropsicomotorio in tali malattie.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

  1. Fornire agli studenti gli elementi di base per saper riconoscere l’utilità della loro professione futura nel follow up dei pazienti neurochirurgici
  2. Offrire una carellata delle patologie neurochirurgiche più frequenti in età pediatrica, senza perdere di vista l’obiettivo di dare loro una chiave di lettura per la prognosi e le possibilità di recupero che si possono prefigurare per ogni specifica patologia
  3. Limitare al minimo le nozioni prettamente chirurgiche, preservando qualche dettaglio sulle possibili complicanze degli interventi e quindi sulle possibilità di rieducazione psicomotoria

Modalità didattiche

  1. Lezioni frontali
  2. Lezione pratica in reparto di Neurochirurgia

PROGRAMMA/CONTENUTO

  1. Idrocefalo
  2. Tumori cerebrali
  3. Ipertensione endocranica
  4. Malformazioni cerebrali e craniche
  5. Spina bifida ed altri disrafismi

TESTI/BIBLIOGRAFIA

I testi da cui vengono tratte le lezioni sono resi noti al termine di ciascuna lezione, quando necessario.

La maggior parte derivano da” Neurochirurgie” (P. Decq; De Queravel), testo universitario francese.

Ad ogni lezione le serie di diapositive vengono consegnate ad uno studente che si impegna a farne copie per tutti.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

NICOLA LAFFI (Presidente)

GIOVANNI MORANA

ELISABETTA LAMPUGNANI

GIUSEPPE MARCELLO RAVEGNANI

GIROLAMO MATTIOLI

LEZIONI

Modalità didattiche

  1. Lezioni frontali
  2. Lezione pratica in reparto di Neurochirurgia

INIZIO LEZIONI

ottobre

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

NEUROCHIRURGIA INFANTILE

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame si svolge  scritto , a risposta multipla, di cui una sola è quella esatta, in numero di venti, quattro domande  per ognuno dei cinque argomenti trattati a lezione. Tempo mezz’ora - tre quarti d’ora, o più se del caso.

Modalità di accertamento

Ponendosi come scopo il corso quello di dare le informazioni di base neurochirurgiche, le domande vengono esposte per coprire tutti gli argomenti trattati, e solo quelli. L’abilità sta nell’interpretare domande non banali.