ANESTESIOLOGIA

ANESTESIOLOGIA

_
iten
Codice
57680
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
1 cfu al 1° anno di 8745 MEDICINA E CHIRURGIA (LM-41) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/41
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (MEDICINA E CHIRURGIA )
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:

PRESENTAZIONE

Imparare ad affrontare le emergenze /urgenze base

Acquisire le conoscenze e saper mettere in atto le manovre per la rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione precoce con defibrillatore automatic esterno

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire le conoscenze/manualità/tecniche del primo soccorso nelle emergenze cardiorespiratorie.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Acquisire le conoscenze e saper mettere in atto le manovre per il trattamento dell’arresto cardiocircolatorio con defibrillatore semiautomatico esterno. Conoscenze e manualità tecniche del primo soccorso in caso di ferite, emorragie, ustioni e traumi. Provvedimenti alla donna in travaglio di parto in condizioni di emergenza e al neonato al di fuori delle strutture sanitarie

 

Modalità didattiche

Lezioni teoriche frontali.

Esercitazione in piccoli gruppi presso Centro di Simulazione della durata di 5 ore con obbligo di frequenza.

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

 

Fisiopatologia cardiovascolare

Concetto di ABCD

La catena della sopravvivenza

Valutazione stato di coscienza, attività respi-ratoria, attività cardiocircolatoria

Paziente inanimato, verifica funzioni vitali, arresto respiratorio, arresto circolatorio, pupille, posizionamento

Massaggio cardiaco esterno, ventilazione con “pocket mask” e ambu

Manovra di Heimlich.

Defibrillazione

Alterazioni dello stato di coscienza

Il dolore toracico e la dispnea

Riconoscimento e trattamento emorragie esterne  Trattamento ferite lacero contuse

Trattamento ustioni

Approccio al paziente traumatizzato. Device di immobilizzazione

Il rischio in ambiente montano e ipogeo

Trattamento in caso di morso di vipera e puntura d'api

Il rischio in ambiente acquatico

Trattamento del paziente annegato  

Provvedimenti alla donna in travaglio di parto

Prime cure al neonato al di fuori delle strutture sanitari

 

 

 

 

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

 

Chiaranda M.- Urgenze ed emergenze, 4a edizione. Piccin 2016

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Per ogni eventuale necessità, ulteriori dettagli o chiarimenti, lo studente potrà rivolgersi direttamente ai docenti di riferimento, attraverso la segreteria didattica del Corso di Studi all'indirizzo e-mail: presidenzaclopd@unige.it 

Commissione d'esame

FRANCESCO TORRE (Presidente)

IOLE BRUNETTI (Presidente)

NICOLO' ANTONINO PATRONITI (Presidente)

ANGELO INSORSI (Presidente)

ALDO PENDE

CLAUDIO LAUNO

PAOLO PASQUALINO PELOSI (Presidente e Coordinatore di corso integrato)

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni teoriche frontali.

Esercitazione in piccoli gruppi presso Centro di Simulazione della durata di 5 ore con obbligo di frequenza.

 

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

ESAMI

Modalità d'esame

La prova di valutazione per il conseguimento dell’idoneità avverrà per ogni singolo gruppo di studenti mediante prova pratica al termine del corso di “Basic Life Support - Defibrillation” (BLSD), con rilascio di certificazione di autorizzazione all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico in ambiente extra-ospedaliero in ottemperanza alla delibera G.R. 251 del 14/3/2002.

 

Modalità di accertamento

Al fine dell’acquisizione dell’idoneità è necessario frequentare tutte le 5 ore previste dal corso BLSD e superare l’esame