REUMATOLOGIA

REUMATOLOGIA

_
iten
Codice
68186
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
1 cfu al 2° anno di 9281 FISIOTERAPIA (L/SNT2) GE SAN MARTINO
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/16
LINGUA
Italiano
SEDE
GE SAN MARTINO (FISIOTERAPIA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:

PRESENTAZIONE

La Disciplina REUMATOLOGIA ha l’obiettivo di guidare lo studente ad acquisire la conoscenza delle principali patologie dell’apparato locomotore, in ambito reumatologico, comprendere l’importanza della diagnosi precoce al fine di evitarne la cronicizzazione della patologia e la conseguente disabilità funzionale. Inoltre lo studio dei meccanismi fisiopatologici e della sintomatologia clinica proprie di ogni patologia reumatica costituisce la base per poter programmare un programma riabilitativo adeguato.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L'obiettivo è quello di guidare lo studente ad acquisire la conoscenza delle principali patologie reumatologiche, comprendere l’importanza della diagnosi precoce al fine di evitarne la cronicizzazione della patologia e la conseguente disabilità funzionale. La conoscenza dei meccanismi fisiopatologici e della sintomatologia clinica  di ogni patologia reumatica costituisce la base per poter programmare un programma riabilitativo adeguato.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine del corso e dopo un opportuno periodo di studio lo studente sarà in grado di:

- conoscere la sintomatologia clinica e avere elementi base per poter effettuare una diagnosi differenziale tra le principali malattie caratterizzandone sintomi e segni.

- comprendere che laddove non venga effettuata una diagnosi precoce ed impostato un programma terapeutico integrato e multidisciplinare adeguato la maggior parte delle patologie reumatiche creano un notevole impatto socio-economico in quanto tendono a cronicizzare determinando alterazioni funzionali tali da limitare la qualità di vita del paziente (disabilità).

Modalità didattiche

Lezioni frontali

PROGRAMMA/CONTENUTO

Le principali patologie reumatiche:

1. Reumatismi flogistici:

a. Artrite reumatoide

b. Spondiloartriti sieronegative.

c. Artriti nelle connettiviti.

d. Artriti reattive o post-infettive

2. Artrosi

3. Artriti microcristalline:

a. Gotta.

b. Malattia da deposito di idrossiapatite.

c. Malattia da deposito di calcio pirofosfato (Condrocalcinosi)

4. Reumatismi infettivi.

5. Malattie del tessuto osseo: Osteoporosi, malattia di Paget

6. Reumatismi neurodistrofici (Sindrome dolorosa regionale complessa (algodistrofia).

7. Reumatismi extra-articolari o delle parti molli.

a. Fibromialgia

8. Informazione e consigli al malato reumatico.

9. Approccio fisiopatologico alla riabilitazione del malato reumatico.

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Gli appunti delle lezioni. Possono , inoltre, essere consigliati dal docenti libri, articoli e riviste scientifiche.

Testo di riferimento: UNIREUMA-REUMATOLOGIA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

A cura di A.Spadaro-M.Govoni-R.Caporali. Casa editrice Sorbona

Sul sito internet: http://www.artrosi.it/testo.fisioterapista.html dispensa: Reumatologia per Fisioterapisti, Ennepilibri, Libreria Scientifica

Frasconi, Genova

Rovetta G, Monteforte P. Reumatologia per Fisioterapisti Editore Ennepilibri per l'Università

Atlante di reumatologia Boyle A. C. Editore Mediserve

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: montefortepatrizia@libero.it

Ricevimento: g.risso@asl1.liguria.it

Ricevimento: g.checchia@asl2.liguria.it

Ricevimento: sabrina.paolino@unige.it

Ricevimento: leonardo.incertivecchi@asl5.liguria.it

Commissione d'esame

PATRIZIA MONTEFORTE

SABRINA PAOLINO

LUIGI MOLFETTA

MARCO MEZZASALMA

SILVANA MAZZARO

ELISA PELOSIN

ALBERTO PIACENZA

ALESSANDRO ROBUTTI

GIORGIO ZANASI

GIANLUCA RISSO

DANIELA RASO

AURORA PRATESI

CINZIA LAURA

LEONARDO INCERTI VECCHI

EMILIO FISCHER

ALBERTO EMINENTE

GIOVANNI ANTONIO CHECCHIA

VALERIA BANAUDI

ANTONELLA FOCACCI

NADIA FOLEGANI

MICHELE GRAMAZIO

VITO GIUDICE

CLAUDIA GIORGINI

SUSANNA ACCOGLI

DANIELA GARAVENTA

CARLA BUFFA

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali

INIZIO LEZIONI

II anno, I semestre

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

L’esame orale verterà principalmente sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e comunque su tutti quelli specificati nel programma, e avrà lo scopo di valutare se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze ed acquisito capacità analitica.