STORIA DELLE DOTTRINE POLITICHE

STORIA DELLE DOTTRINE POLITICHE

_
iten
Codice
56968
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
10 cfu al 1° anno di 8768 SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (L-36)
6 CFU al 1° anno di 8465 METODOLOGIE FILOSOFICHE (LM-78)
6 CFU al 2° anno di 8465 METODOLOGIE FILOSOFICHE (LM-78)
9 CFU al 2° anno di 9917 SCIENZE STORICHE (LM-84)
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
SPS/02
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE )
periodo
1° Semestre

PRESENTAZIONE

Il corso si propone di approfondire lo studio dei principali autori che hanno influenzato lo sviluppo del pensiero politico occidentale, con particolare riferimento all'Europa e ai suoi rapporti con il nordamerica. Dall'età classica, passando attraverso la nascita dello stato moderno per arrivare al delinearsi delle ideologie politiche ottocentesche, il corso vuole sollecitare gli studenti ad interrogarsi sul significato o i significati dell'obbligazione politica.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo formativo del corso: conoscenza e comprensione dei lineamenti della storia del pensiero politico dall’Antichità al Novecento, ricostruiti attraverso la contestualizzazione storica e l’analisi problematica delle riflessioni degli autori maggiormente significativi.

Modalità didattiche

Il corso prevede lezioni frontali in cui il docente, dopo avere illustrato l'argomento del giorno, resta a disposizione degli studenti per domande e chiarimenti.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del corso consiste nella presentazione di un ampio ventaglio  di  “classici” del pensiero politico occidentale, dall’Antichità all’Ottocento. Nella trattazione dei diversi autori e movimenti, una particolare attenzione sarà dedicata alle tematiche di interesse europeo ed internazionalistico; una parte speciale riguarderà l'analisi delle critiche rivolte al modello della cosiddetta democrazia liberale o democrazia rappresentativa.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

M. D’ADDIO, Storia delle dottrine politiche, Genova, ECIG, 2002;

La democrazia liberale e i suoi critici, a cura di Carmelo Calabrò e Mauro Lenci, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2017.

N.B. Agli studenti con non possono frequentare con regolarità le lezioni (almeno 45 su 60) si richiede, in aggiunta, lo studio di uno dei seguenti testi a scelta:

F. FALCHI, Giuseppe Mazzini: la democrazia europea e i diritti delle donne (1837-1840), Firenze, CET, 2010;

S. MASTELLONE, Tre democrazie: sociale (Harney), proletaria (Engels), europea (Mazzini), Firenze, CET, 2011.

Per gli studenti che, iscritti in anni precedenti, devono ancora sostenere l’esame, resta valido il programma relativo all’anno accademico nel quale il corso è stato inserito nel piano di studio.

DOCENTI E COMMISSIONI

Alberto De Sanctis

Il docente riceve gli studenti il lunedì mattina dalle 9 e 30 alle 12. E' anche possibile contattarlo via mail al seguente indirizzo: alberto.desanctis@unige.it

Commissione d'esame

PEJMAN ABDOLMOHAMMADI

NICOLA CAROZZA

ANDREA CATANZARO

ALBERTO DE SANCTIS (Presidente)

GIORGIO GRIMALDI

CARLO MORGANTI

DAVIDE SUIN

MATTIA ZOPPETTI

LEZIONI

Modalità didattiche

Il corso prevede lezioni frontali in cui il docente, dopo avere illustrato l'argomento del giorno, resta a disposizione degli studenti per domande e chiarimenti.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni si terranno nel primo semestre a partire da lunedì 25 settembre.

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

L’esame si svolge in forma orale e si articola in tre quesiti: uno riguardante il pensiero politico antico, uno riguardante il pensiero politico moderno, uno riguardante il pensiero politico contemporaneo (parte inclusa nel programma). E’ previsto, infine, un commento relativo ad uno o più testi, a seconda che si tratti di studenti frequentanti o non frequentanti. Per ciascun autore trattato a lezione sarà disponibile una sintesi dei punti essenziali affrontati, che gli studenti potranno scaricare da AULAWEB.