ISTITUZIONI DI DIRITTO ROMANO

ISTITUZIONI DI DIRITTO ROMANO

_
iten
Codice
64892
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
9 cfu al 1° anno di 7995 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/18
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (GIURISPRUDENZA)
periodo
2° Semestre
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 3 frazioni: A, B, C. Questa pagina si riferisce alla frazione A
propedeuticita
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento intende guidare alla conoscenza elementare dell’esperienza giuridica romana nei suoi diversi aspetti e periodi, in particolare: - delineare il quadro costituzionale posto, nei vari periodi dell’esperienza giuridica romana, a fondamento della produzione del diritto ad opera di fonti autoritative e giurisprudenziali con la formazione delle relative raccolte, private e ufficiali, di età tardoimperiale; - promuovere, nei suoi aspetti essenziali, la conoscenza del processo privato nelle tre procedure storicamente determinate. Si estende quindi a trattare la situazione delle persone, gli istituti e i rapporti familiari e le successioni nel loro nascere e divenire fino alla compilazione giustinianea; - promuovere la conoscenza dei rapporti reali nell’esperienza giuridica romana, con particolare riferimento alla nozione e al regime del dominium, nonché alla formazione degli iura in re aliena. Nella stessa visuale, accanto al regime e alle classificazioni dei diversi rapporti obbligatori, sarà seguita la progressiva emersione della nozione di contratto nella riflessione giurisprudenziale.

Modalità didattiche

lezioni frontali

PROGRAMMA/CONTENUTO

Costituzione e fonti 

La parte iniziale del corso si propone di delineare il quadro costituzionale posto, nei vari periodi dell'esperienza giuridica romana, a fondamento della produzione del diritto ad opera di fonti autoritative e giurisprudenziali con la formazione delle relative raccolte, private e ufficiali, di età tardoimperiale.  

Processo privato, persone, famiglia, successioni 

La seconda parte del corso si propone di promuovere, nei suoi aspetti essenziali, la conoscenza del processo privato nelle tre procedure storicamente determinate. Si estende quindi a trattare la situazione delle persone, gli istituti e i rapporti familiari e le successioni nel loro nascere e divenire fino alla compilazione giustinianea.   

Diritti reali, obbligazioni 

L’ultima parte del corso si propone di promuovere la conoscenza dei rapporti reali nell'esperienza giuridica romana, con particolare riferimento alla nozione e al regime del dominium, nonché alla formazione degli iura in re aliena. Nella stessa visuale, accanto al regime e alle classificazioni dei diversi rapporti obbligatori, sarà seguita la progressiva emersione della nozione di contratto nella riflessione giurisprudenziale.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti frequentanti
F. Amarelli - L. De Giovanni - P. Garbarino - V. Marotta -  A. Schiavone -  U. Vincenti, Storia del diritto romano e linee di diritto privato (a cura di A. Schiavone), Torino, Giappichelli Editore 2005: - Parte prima, capp. I-IV (pp. 5-145) - Parte seconda, capp. I-IV (pp. 149-253)    M. Marrone, Lineamenti di diritto privato romano, Torino, Giappichelli Editore, 2001, pp. 1-350     
Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti non frequentanti
F. Amarelli - L. De Giovanni - P. Garbarino - V. Marotta -  A. Schiavone -  U. Vincenti, Storia del diritto romano e linee di diritto privato (a cura di A. Schiavone), Torino, Giappichelli Editore 2005: - Parte prima, capp. I-IV (pp. 5-145) - Parte seconda, capp. I-IV (pp. 149-253) - Parte terza, pp. 257- 286 - Parte quinta, pp. 361-371   M. Marrone, Lineamenti di diritto privato romano, Torino, Giappichelli Editore, 2001, pp. 1-350     
 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: m

Commissione d'esame

ROSSELLA LAURENDI (Presidente)

LIVIA MIGLIARDI

MARCO PIETRO PAVESE

LEZIONI

Modalità didattiche

lezioni frontali

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 18 settembre al 7 dicembre 2017 (12 settimane)
II semestre dal 26 febbraio al 18 maggio 2018 (12 settimane)

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

Colloquio volto ad accertare la preparazione dello studente sul programma del corso, con particolare riferimento alla capacità di collocare la sicura conoscenza degli aspetti particolari nel più ampio quadro dell’impostazione generale.