ECONOMIA DELLE AZIENDE DI CREDITO

ECONOMIA DELLE AZIENDE DI CREDITO

_
iten
Codice
57398
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
9 cfu al 3° anno di 8699 ECONOMIA E COMMERCIO (L-33) GENOVA

9 CFU al ° anno di 8700 ECONOMIA E ISTITUZIONI FINANZIARIE (LM-56) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
SECS-P/11
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (ECONOMIA E COMMERCIO)
periodo
2° Semestre
propedeuticita
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

il corso approfondisce gli elementi fondamentali dell'attività di raccolta e degli impieghi effettuati dell'impresa bancaria, con un'attenzione particolare per il credit risk management.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso ha come obiettivo principale quello di  fornire agli studenti le conoscenze di base e i modelli interpretativi relativi all’evoluzione del sistema bancario e finanziario, alle modalità di gestione delle banche e del sottostante sistema di scelte/decisioni; ciò nell’ambito del sistema di interrelazioni ambiente – strategia – struttura. In questo quadro la gestione delle banche è analizzata secondo l’approccio integrato ed interfunzionale proprio dell’economia aziendale.

Si analizzano in particolare le caratteristiche del sistema bancario e il suo ruolo all’interno del sistema finanziario, le teorie della banca, la regolamentazione e la vigilanza bancaria, le funzioni economiche e quelle produttive della banca, gli equilibri economici, i rischi e le loro modalità di gestione, le forme tecniche dei principali prodotti di raccolta e impiego.

Modalità didattiche

Modalità didattiche

Lezioni frontali, testimonianze aziendali

Presente su Aulaweb

Si   X  No ☐

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Parte I: NATURA E FUNZIONI DELLA BANCA

  • Il sistema finanziario (cenni); le alternative tecnologie di trasferimento dei fondi: banca e mercati
  • L’attuale crisi dei mercati e il ruolo delle banche: cause e implicazioni
  • L'attività bancaria e la banca
  • La teoria della banca
  • Le funzioni economiche della banca: raccolta del risparmio, finanziamento dell’economia, funzione monetaria
  • La moneta, i bisogni e gli strumenti di pagamento

Parte II: LA REGOLAMENTAZIONE

  • La regolamentazione e la vigilanza bancaria: finalità, strumenti, evoluzione, quadro attuale
  • La regolamentazione del capitale: finalità, contenuti, diverse versioni (Basilea 1,2,3), effetti, criticità
  • La regolamentazione organizzativa
  • L’ordinamento del credito: dalla legge bancaria del ’36 al nuovo testo unico bancario
  • L’Unione Bancaria Europea

Parte III: LE FUNZIONI PRODUTTIVE E I PRODOTTI

  • La politica dei prestiti
  • La valutazione dei fidi bancari
  • Il credit risk management
  • Le forme tecniche di prestito
  • Gli obiettivi e le politiche della raccolta delle risorse finanziarie
  • Le forme tecniche di raccolta diretta e indiretta
  • Gli investimenti in titoli delle banche
  • Le politiche di liquidità e gli strumenti di tesoreria
  • Il rischio di interesse e le politiche di asset-liability management

Parte IV: BILANCIO ED EQUILIBRI ECONOMICI

  • Gli equilibri economici della banca: la formazione del risultato
  • Il bilancio delle banche: disciplina, contenuti e coordinamento degli indici di bilancio

Gli equilibri economici della banca: i rischi

TESTI/BIBLIOGRAFIA

- R.RUOZI, Economia della banca, Milano, Egea, 2016, a integrazione delle lezioni e nelle parti indicate a lezione dal docente

- L. MUNARI, Strumenti finanziari e creditizi. Dai bisogni alle soluzioni, Mc Graw Hill, 2015; capitoli: 2,3,6,11,13,14

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Orario ricevimento: Martedì: ore 16.00 http://www.economia.unige.it/index.php/il-dipartimento/personale/docenti-ad-economia/88-marco-di-antonio

Commissione d'esame

MARCO DI ANTONIO (Presidente)

FRANCESCA QUERCI

LAURA NIERI

BARBARA ALEMANNI

LEZIONI

Modalità didattiche

Modalità didattiche

Lezioni frontali, testimonianze aziendali

Presente su Aulaweb

Si   X  No ☐

 

INIZIO LEZIONI

II semestre

27 febbr. 2017 - 1 giu. 2017

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

ECONOMIA DELLE AZIENDE DI CREDITO

ESAMI

Modalità d'esame

Scritto

Modalità di accertamento

Modalità di accertamento

L’esame è scritto. L’accertamento delle conoscenze apprese dallo studente avviene attraverso esame scritto, articolato in quattro domande, a risposta aperta, tese a verificare la capacità dello studente di: padroneggiare i concetti trasmessi a lezione, operare gli opportuni collegamenti tra gli stessi, ottimizzare la gestione del tempo disponibile attraverso la selezione dei contenuti chiave della risposta, esercitare capacità di sintesi e riflessione critica. Una o due domande possono vertere su esercitazioni numeriche

Ripetizione dell’esame

Nella sessione con 4 appelli d’esame, in caso di insufficienza grave (votazione inferiore a 16) non è possibile presentarsi all’appello immediatamente successivo. Ciò è invece consentito nella sessione a 2 appelli d’esame

ALTRE INFORMAZIONI

Eventuali propedeuticità e/o pre requisiti consigliati

Insegnamenti propedeutici: Economia Aziendale

Prerequisiti consigliati: Economia degli intermediari finanziari

Risultati di apprendimento previsti

  • Conoscenza e comprensione Gli studenti devono acquisire adeguate conoscenze e un'efficace capacità di comprensione della natura delle banche, del loro ruolo nel sistema finanziario, dei loro meccanismi e processi di funzionamento, delle loro funzioni economiche e produttive, dei loro equilibri economici. Lo studente disporrà delle conoscenze teoriche e degli strumenti di analisi sui temi della misurazione e gestione dei rischi bancari (in particolare dei rischi di credito, liquidità e di interesse). Le sopra citate conoscenze vengono trasmesse attraverso lezioni frontali, interventi di esponenti del mondo bancario, analisi di dati aziendali e di sistema.
  • Capacità di applicare conoscenza e comprensione Gli studenti saranno in grado di applicare le conoscenze acquisite all’analisi e all’interpretazione dei principali problemi della gestione bancaria e di sviluppare le capacità di individuare le scelte ritenuti ottimali. In base alle conoscenze apprese sull’analisi dei bilanci bancari e sulle tecniche di valutazione dei rischi potranno valutare le condizioni di equilibrio e di rischio delle banche. Sapranno applicare le tecniche e le metodologie di analisi di fido per valutare il merito creditizio delle imprese richiedenti il prestito. Avranno appreso gli strumenti necessari a un corretto pricing dei prodotti bancari. Possiederanno i modelli teorici necessari per poter analizzare e assumere le scelte fondamentali in merito alle politiche di prestito, di investimento in titoli e di raccolta. Le testimonianza aziendali aiuteranno a comprendere le concrete applicazioni gestionali dei concetti appresi a lezione.
  • Autonomia di giudizio Gli studenti sapranno utilizzare sia sul piano concettuale che su quello operativo le conoscenze acquisite, con autonoma capacità di valutazione e di applicazione nei diversi contesti applicativi. Possederanno gli strumenti per poter formulare giudizi autonomi e fondati sugli equilibri economici e gestionali delle banche, sulla qualità delle loro politiche e dei loro risultati, sui livelli di rischio assunti. La presentazione di alternativi modelli gestionali, nonché dei diversi punti di vista nei temi di dibattito (evoluzione e futuro del sistema bancario, teoria della banca, assetti di regolamentazione, ecc.) contribuirà a sviluppare lo spirito critico degli studenti.
  • Abilità comunicative Gli studenti acquisiranno il linguaggio tecnico tipico della disciplina (compresa l’ampiamente diffusa terminologia anglosassone) per comunicare in modo chiaro e senza ambiguità con interlocutori specialisti e non specialisti. La conoscenza delle principali fonti informative e di documentazione, nonché delle basi dati, li renderanno capaci di supportare al meglio le proprie argomentazioni.
  • Capacità di apprendimento Gli studenti avranno sviluppato adeguate capacità di apprendimento che consentiranno loro di continuare ad approfondire in modo autonomo le principali tematiche della disciplina, nei diversi contesti lavorativi in cui si troveranno ad operare. A tale scopo, lo studente imparerà a conoscere le principali fonti informative e bibliografiche, i principali siti web (autorità di regolamentazione, associazioni di settore, enti di ricerca, centri studi, editoria on line) e le principali basi dati.

 

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti

 

Modalità didattiche

 

Obblighi

 

Testi di studio

- R.RUOZI, Economia della banca, Milano, Egea, 2015

- L. MUNARI, Strumenti finanziari e creditizi. Dai bisogni alle soluzioni, Mc Graw Hill, 2015, capitoli: 1,2,3,5,6,11,12,13,14,15

Modalità di accertamento

Esame    X scritto ☐ orale  ☐   altro:

L’accertamento delle conoscenze apprese dallo studente avviene attraverso esame scritto, articolato in quattro domande, a risposta aperta, tese a verificare la capacità dello studente di: padroneggiare i temi trattati dai testi di studio, operare gli opportuni collegamenti tra gli stessi, ottimizzare la gestione del tempo disponibile attraverso la selezione dei contenuti chiave della risposta, esercitare capacità di sintesi e riflessione critica. Una o due domande possono vertere su esercitazioni numeriche.

Ripetizione dell’esame

Nella sessione con 4 appelli d’esame, in caso di insufficienza grave (votazione inferiore a 16) non è possibile presentarsi all’appello immediatamente successivo. Ciò è invece consentito nella sessione a 2 appelli d’esame