STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO

STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO

_
iten
Codice
64870
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
9 cfu al 1° anno di 8457 LETTERE (L-10)
6 CFU al 2° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1)
6 CFU al 3° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1)
6 CFU al 2° anno di 8467 STORIA DELL'ARTE E VALORIZZAZ. PATRIMONIO ARTISTICO (LM-89)
6 CFU al ° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11)
9 CFU al 3° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11)
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-ART/05
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LETTERE )
periodo
2° Semestre

PRESENTAZIONE

L’insegnamento fornisce le conoscenze di base relative alla Storia del teatro e dello spettacolo in Occidente. Attraverso le lezioni, l'uso di immagini e video, la visione di spettacoli, gli incontri con gli artisti e lo studio individuale, il corso introduce alla complessità dei concetti di “teatro” e "spettacolo", mette a fuoco forme, tipologie e funzioni assunte dal teatro in tempi e luoghi differenti, offre modelli di analisi dello spettacolo contemporaneo. Non si richiedono conoscenze pregresse.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento intende fornire agli studenti le conoscenze di base relative alla Storia del teatro e dello spettacolo. L’obiettivo è di unire alla conoscenza degli eventi storici la consapevolezza delle diverse forme, significati e funzioni che le parole “teatro” e “spettacolo” hanno assunto in tempi e luoghi differenti. Particolare importanza è data alla relazione che, di volta in volta, si instaura tra la componente testuale originaria, ove presente, e quella scenica (lo spettacolo, scomponibile in molteplici elementi: drammaturgia, attore e recitazione, spazio scenico e scenografia, ecc.). Attraverso la visione commentata di spettacoli, si desidera in ultimo proporre agli studenti strumenti di descrizione, analisi e interpretazione dello spettacolo teatrale contemporaneo.

Modalità didattiche

L'insegnamento prevede l'uso di lezioni frontali con slides e proiezioni di video. Saranno proposte anche alcune serate facoltative a teatro.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Una breve introduzione alla disciplina e ai suoi oggetti di studio permetterà agli studenti di familiarizzare con la complessità della nozione di “teatro” e di conoscere le principali caratteristiche e componenti di ciò che definiamo “spettacolo teatrale”. Successivamente, le lezioni dei primi due moduli saranno dedicate allo studio dei maggiori fenomeni e momenti della storia del teatro e dello spettacolo in Occidente dal V secolo a.C. fino all'Ottocento. Gli studenti proseguiranno individualmente lo studio del Novecento. Durante il periodo di lezione, in collaborazione con i teatri genovesi, saranno proposte visioni guidate di spettacoli teatrali con la partecipazione degli artisti e delle compagnie.

 

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Il terzo modulo di lezioni sarà dedicato specificamente al teatro del Novecento.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

NB Per la versione definitiva e dettagliata della bibliografia fare riferimento all'Aulaweb dell'insegnamento.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

STUDENTI FREQUENTANTI triennali

1) R. ALONGE, F. PERRELLI, Storia del teatro e dello spettacolo, Torino, UTET, 2015, seconda edizione. Nota bene: Il manuale è da studiare nella sua interezza, a esclusione dei capitoli 27, 30, 31, 32, che possono essere solamente letti.

2) Testi teatrali da leggere in edizione integrale: Sofocle, Antigone; W. Shakespeare, Amleto; C. Lope de Vega, Fuente Ovejuna; Molière, Tartufo; C. Goldoni, La locandiera; H. Ibsen, Casa di bambola; A. Cechov, Tre sorelle; A. Jarry, Ubu re; L. Pirandello, I giganti della montagna; B. Brecht, Vita di Galileo; E. De Filippo, Filumena Marturano. Nota bene: l'edizione è a scelta dello/a studente/ssa; privilegiare edizioni con introduzione, note e commento.

3) Le immagini, i filmati e i materiali disponibili su Aulaweb.

4) Gli appunti completi delle lezioni.

STUDENTI NON FREQUENTANTI triennali
1) - 2) - 3) Come sopra.
4) Al posto degli appunti delle lezioni, un libro a scelta fra: M. SCHINO, Profilo del teatro italiano, Roma, Carocci, 2002 e ristampe successive oppure Storia europea del teatro italiano, a cura di F. PERRELLI, Roma, Carocci, 2017. (NB: Alle matricole e a chi sa di non avere basi storico-culturali ancora solide consiglio Storia europea del teatro italiano; per chi proviene da un liceo ed è almeno al secondo anno di università è preferibile studiare Profilo del teatro italiano).

STUDENTI MAGISTRALI che non hanno mai sostenuto un esame di Storia del teatro e dello spettacolo

1) O.G. BROCKETT, Storia del teatro, Venezia, Marsilio, 2016 (nuova edizione).

2) Testi teatrali da leggere in edizione integrale a scelta dello/a studente/ssa: Sofocle, Antigone; W. Shakespeare, Amleto; C. Lope de Vega, Fuente Ovejuna; Molière, Tartufo; C. Goldoni, La locandiera; H. Ibsen, Casa di bambola; A. Cechov, Tre sorelle; A. Jarry, Ubu re; L. Pirandello, I giganti della montagna; B. Brecht, Vita di Galileo; E. De Filippo, Filumena Marturano. Nota bene: privilegiare edizioni con introduzione, note e commento.

3) Le immagini, i filmati e i materiali disponibili su Aulaweb.

4) Un volume da concordare con la docente, a seconda degli interessi personali e della frequenza/non frequenza.

 

STUDENTI MAGISTRALI che hanno già sostenuto un esame di Storia del teatro e dello spettacolo

Concordano l'intero programma d'esame con la docente, preferibilmente presentandosi a ricevimento oppure concordando un appuntamento fuori ricevimento.

 

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

STUDENTI FREQUENTANTI e NON FREQUENTANTI triennali

Al programma per 6 CFU viene aggiunto un testo da scegliere fra i seguenti:
- M. Fazio, Regie teatrali. Dalle origini a Brecht, Roma-Bari, Laterza, 2008

- F. Perrelli, Le origini del teatro moderno. Da Jarry a Brecht, Roma-Bari, Laterza, 2017

- M. Schino, L’età dei maestri. Appia, Craig, Stanislavskij. Mejerchol’d, Copeau, Artaud e gli altri, Roma, Viella, 2017

- R. Tessari, Teatro italiano del Novecento: fenomenologie e strutture: 1906-1976, Firenze, Le lettere, 1996

DOCENTI E COMMISSIONI

Livia Cavaglieri

I SEMESTRE

Ricevimento studenti: venerdì 15-16 (valido dal 29 settembre al 1° dicembre)

Ricevimento laureandi: lunedì 16-18 (valido dal 2 ottobre al 4 dicembre)

 

II SEMESTRE

Ricevimento studenti: venerdì 13-14 (valido dal 26 febbraio all’11 maggio)

Ricevimento laureandi: lunedì 16-17 (valido dal 12 febbraio all’11 maggio)

Per i periodi dal 1° al 28 settembre 2017; dal 5 dicembre 2017 al 24 febbraio 2018 e a partire dalla metà di maggio, il calendario settimanale dei ricevimenti viene indicato alla pagina <http://www.diraas.unige.it/dipendente/56531/>

Commissione d'esame

LIVIA CAVAGLIERI (Presidente)

EMANUELA CHICHIRICCO'

ROBERTO CUPPONE

RAFFAELE MELLACE

MATTEO PAOLETTI

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento prevede l'uso di lezioni frontali con slides e proiezioni di video. Saranno proposte anche alcune serate facoltative a teatro.

INIZIO LEZIONI

26 febbraio 2018

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame è orale. Solo per gli studenti frequentanti l’insegnamento prevede una verifica scritta alla fine del periodo delle lezioni (indicativamente tra il 16 e il 25 maggio 2018) sul programma da 6 CFU. Allo scritto seguirà la parte orale sul III modulo, solamente per gli studenti che portano 9 CFU.

Modalità di accertamento

L'esame scritto per i frequentanti è diviso in due sezioni: a) 4 domande a risposta multipla, sul manuale di Alonge-Perrelli ; b) 2 domande a riposta aperta (tema), sui temi trattati a lezione, sui testi teatrali e sui materiali presenti su aulaweb.

Esame orale 6 CFU:
- 2 domande sul manuale e/o sui testi teatrali in lettura;
- 1 domanda sugli argomenti trattati a lezione o sul volume di Schino.

Esame orale 9 CFU:
- 2 domande sul manuale e/o sui testi teatrali in lettura;
- 1 domanda sugli argomenti trattati a lezione o sul volume di Schino;
- 2 domande sul volume a scelta.

ALTRE INFORMAZIONI

Sono attività facoltative integrate all’insegnamento i seguenti laboratori (per maggiori informazioni vedere sulle singole pagine nella sezione Insegnamenti):
- Analisi dello spettacolo teatrale: dal testo alla scena
- Laboratorio pratico di teatro
- Analisi delle componenti drammaturgiche, scenografiche e registiche del teatro d'opera
- Analisi della componente musicale del teatro d'opera