TECNICHE DI ANALISI DEI DATI APPLICATE AL MONITORAGGIO

TECNICHE DI ANALISI DEI DATI APPLICATE AL MONITORAGGIO

_
iten
Codice
66710
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
3 cfu al 2° anno di 9016 MONITORAGGIO BIOLOGICO (LM-6) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/07
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (MONITORAGGIO BIOLOGICO )
periodo
2° Semestre
moduli

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso si prefigge di fornire le basi per la costruzione di disegni sperimentali e per l’analisi di patterns spaziali e temporali nelle comunità biologiche e per l’individuazione dei meccanismi che li determinano, fornendo gli strumenti di analisi, mediante tecniche uni e multivariate. Verranno considerate le principali normative del settore e le metodologie relative alla valutazione del rischio per gli organismi, popolazioni e comunità delle sostanze xenobiotiche

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Acquisizione delle conoscenze fondamentali per l’organizzazione ed analisi di dati derivanti da monitoraggio, la strutturazione di un disegno sperimentale, principali tecniche di analisi.

Gli studenti verranno anche introdotti all’utilizzo di R per la realizzazione di grafici e di analisi statistiche

Modalità didattiche

Lezioni frontali

Esercizi in aula

PROGRAMMA/CONTENUTO

  1. Il disegno sperimentale in ecologia, il metodo ipotetico deduttivo
  2. Parametri di una popolazione, inferenza statistica, stima del volume di una popolazione

ANALISI UNIVARIATE

1) Distribuzioni di frequenza, asimmetria e curtosi

2) L’Analisi della Varianza: ripartizione algebrica della variabilità, il modello lineare

3) Disegni multifattoriali, gerarchizzati e ortogonali

4) Disegni BACI e beyond BACI

5) Correlazione e regressione lineare

ANALISI MULTIVARIATE

1) Coefficienti di similarità e cluster analysis

2) Ordinamenti PCA ed MDS

3) Test multivariati (ANOSIM, PERMANOVA)

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Underwood A.J., 1997. Experiments in ecology. Cambridge University Press

Gambi M.C., Dappiano M., 2003. Manuale di metodologia di campionamento e studio del benthos marino mediterraneo. Biologia Marina Mediterranea, vol 10 (Suppl.).

Camussi A., Möller F., Ottaviano E., Sari Gorla M., 1995. Metodi statistici per la sperimentazione biologica. Zanichelli.

Zar J.H., 1999. Biostatistical Analysis. Fourth Editino. Prentice Hall, Upper Saddle River, New Jersey 07458.

Legendre, Pierre & Louis Legendre. 1998. Numerical ecology. 2nd English edition. Elsevier Science BV, Amsterdam. xv + 853 pages.

DC Schneider Quantitative Ecology, 2nd edn, 2009. London: Academic Press. 432 pp.

A.F. Zuur, E.N. Ieno, G. M. Smith. Analysing Ecological Data. Statistics for Biology and Health. Springer, 2007

Fowler, Cohen. Statistica per Osnitologi e Naturalisti. Scienze Naturali Testi, Franco Muzzio Editore, 2010.

A disposizione (scaricabili da Aula WEB) Power Point delle lezioni.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Concordato direttamente con il docente.

Commissione d'esame

LUIGI PANE (Presidente)

MARIACHIARA CHIANTORE (Presidente)

VALENTINA ASNAGHI

ELISABETTA GIACCO

CRISTIANO ANGELINI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali

Esercizi in aula

INIZIO LEZIONI

A partire dal 19 febbraio 2018 (II Semestre)     

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

TECNICHE DI ANALISI DEI DATI APPLICATE AL MONITORAGGIO

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

Prova orale. Un test di valutazione sulla parte pratica (utilizzo di R) verrà effettuato a fine corso e conteggiato (sommato) alla prova orale  

 

ALTRE INFORMAZIONI

Frequenza Raccomandata. Gli argomenti trattati ed i numerosi esempi discussi a lezione spingono all’assidua frequentazione delle lezioni. Parte delle stesse saranno inoltre effettuate in aula informatica per consentire agli studenti di effettuare essi stessi le analisi sui dati utilizzando excel ed R.