METODI E STRUMENTI IN PSICOLOGIA DELL'ORIENTAMENTO

METODI E STRUMENTI IN PSICOLOGIA DELL'ORIENTAMENTO

_
iten
Codice
56068
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
8 cfu al 2° anno di 8753 PSICOLOGIA (LM-51) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-PSI/06
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (PSICOLOGIA )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L’insegnamento è volto a presentare i fondamenti concettuali e metodologici della psicologia dell'orientamento declinandoli attraverso i principali costrutti e strumenti utilizzati nelle pratiche di intervento. Le varie azioni/funzioni orientative (informazione, consulenza, accompagnamento) verranno contestualizzate nell’ambito dei servizi e dei contesti operativi nei quali si giocano le competenze dei professionisti dell’orientamento. 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Presentare l'evoluzione della disciplina e l'attuale modello di orientamento multidisciplinare e integrato. Analizzare i processi sottesi alle diverse transizioni del ciclo di vita individuale e connessi alle strategie decisionali in ambito scolastico e lavorativo, focalizzando l'attenzione su interventi di aiuto alla scelta e di sostegno alla persona sia a livello individuale sia di gruppo.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso ha come obiettivi principali:                               

  1. presentare l’evoluzione degli approcci teorici in tema di orientamento e progettazione professionale declinandoli attraverso i principali costrutti e strumenti utilizzati nelle pratiche di intervento;
  2. introdurre lo studente ai processi tecnico-metodologici che qualificano le pratiche di orientamento, con particolare riferimento al contributo che può offrire lo psicologo alla loro progettazione, implementazione e valutazione;
  3. approfondire il costrutto di occupabilità in riferimento alla popolazione giovanile e alle dinamiche di scelta e di carriera che molteplici casi studio consentiranno di mettere a fuoco.

 

Modalità didattiche

Il metodo di insegnamento alternerà lezioni frontali a momenti esercitativi individuali e di piccolo gruppo. In particolare  a ogni unità didattica di 4 ore seguiranno 2 ore di analisi e discussione di casi, esercizi di progettazione svolti in sottogruppi e discussi in plenaria, role-play e visione di filmati. 

PROGRAMMA/CONTENUTO

ll corso si articola in nove unità didattiche:

  1. l’evoluzione delle principali teorie in psicologia dell’orientamento 
  2. le nuove prospettive della psicologia dell’orientamento e del career counselling
  3. i principali concetti/costrutti in tema di orientamento: interessi, valori, coping, autoefficacia, adattabilità, resilienza, competenze, life design, occupabilità e inclusione sociale, …
  4. le transizioni psico-sociali (formative e lavorative), dinamiche di scelta e di carriera
  5. la mappa dei servizi, dei contesti operativi e delle competenze dei professionisti
  6. le azioni/funzioni orientative secondo le linee guida nazionali sull’orientamento
  7. i sistemi di analisi, validazione e certificazione delle competenze professionali
  8. la progettazione e la valutazione di interventi di orientamento nell’ambito dei contesti scolastico-formativi
  9. la progettazione e la valutazione di interventi di orientamento nell’ambito dei contesti lavorativi e professionali.

Particolare attenzione sarà posta sul costrutto di occupabilità in relazione alle differenti transizioni che vivono giovani e adulti.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

TESTI D'ESAME:

  1. Di Fabio, A. (2009). Manuale di psicologia dell’orientamento e career counseling nel XXI secolo. Giunti O.S., Firenze.

UN ALTRO TESTO A SCELTA TRA:

  1. Nota, L., Soresi, S. (2015) Il counseling del futuro. Cleup, Padova.
  2. Verrastro, V. (2015) Psicologia dell'orientamento in adolescenza. Teoria, metodi e strumenti. Franco Angeli, Milano.

UN ARTICOLO A SCELTA TRA I SEGUENTI:

  1. Grimaldi A., Bosca M.A., Porcelli R., Rossi A. (2015) AVO: lo strumento Isfol per l’occupabilità dei giovani. Dalle premesse culturali ai criteri generativi, Osservatorio Isfol, V, n. 1-2, pp. 63-86.
  2. Grimaldi A., Porcelli R., Rossi A. (2014) Orientamento: dimensioni e strumenti per l’occupabilità: la proposta dell’Isfol al servizio dei giovani, Osservatorio Isfol, IV, n.1-2, pp.  45-63.
  3. Howard, H.A.S.., Ferrari. L., Nota. L., Solberg, V.S., Soresi, S. (2009) The relation of cultural context and social relationships to career development in middle school, Journal of Vocational Behavior  Vol. 75, pp. 100-108.
  4. Pombeni, M.L. (2007) La consulenza di orientamento. In A. Grimaldi, M.L. Pombeni (a cura di) Dall’analisi della domanda alla valutazione della consulenza di orientamento Val.Ori.: uno strumento Isfol, Isfol, Roma, pp.25-38.
  5. Savickas, M.L., Nota, L., Rossier, J., Dauwalder, J.P., Duarte, M.E., Guichard, J., Soresi, S., Van Esbroeck, R., Van Vianen, A.E.M. (2009). Life designing: A paradigm for career construction in the 21st century. Journal of Vocational Behavior, Vol. 75, pp. 239-250.

Slide delle lezioni (rese disponibili su aulaweb dalla docente)

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento studenti è fissato su appuntamento previa richiesta via e-mail.

Commissione d'esame

GUIDO FRANCO AMORETTI (Presidente)

ALESSIA ANTONELLA ROSSI (Presidente)

NADIA RANIA

LEZIONI

Modalità didattiche

Il metodo di insegnamento alternerà lezioni frontali a momenti esercitativi individuali e di piccolo gruppo. In particolare  a ogni unità didattica di 4 ore seguiranno 2 ore di analisi e discussione di casi, esercizi di progettazione svolti in sottogruppi e discussi in plenaria, role-play e visione di filmati. 

INIZIO LEZIONI

Le lezioni inizieranno mercoledì 27 settembre con orario dalle 10 alle 14

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

METODI E STRUMENTI IN PSICOLOGIA DELL'ORIENTAMENTO

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

In forma orale con una prova scritta propedeutica per gli studenti frequentanti. La prova scritta sarà costituita dall’analisi di un caso, con 90 minuti di tempo, la cui valutazione concorrerà alla valutazione complessiva. La prova scritta avrà validità per l’intero anno accademico.