METODI E TECNICHE DI INTERVENTO DI GRUPPO

METODI E TECNICHE DI INTERVENTO DI GRUPPO

_
iten
Codice
84167
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
6 cfu al 1° anno di 8753 PSICOLOGIA (LM-51) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-PSI/05
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (PSICOLOGIA )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso intende studiare e concepire il gruppo come artefatto, dispositivo e strumento per intervenire nella realtà sociale.

Durante il corso verranno presentati i principali approcci allo studio dei gruppi secondo i due orientamenti teorici della psicologia sociale e della psicologia dinamica. Seguendo tali approcci verranno analizzati metodi e tecniche di intervento applicabili nelle diverse organizzazioni sociali.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Gli obiettivi formativi dell'insegnamento sono comprendere e far acquisire le teorie, i metodi e i valori della psicologia dei gruppi. Far riconoscere i processi e gli aspetti che caratterizzano le dinamiche di gruppo e fornire competenze per la lettura e la gestione dei gruppi. Analizzare il gruppo come strumento di lavoro e presentare i diversi contesti applicativi e metodologie d'intervento.

Modalità didattiche

Lezioni frontali, metodi attivi, esercitazioni pratiche e studio di casi

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso mostrerà come il gruppo da oggetto d’indagine presente nei diversi contesti di vita quotidiana possa diventare uno strumento professionale di lavoro per la figura dello psicologo. Il gruppo verrà proposto come uno strumento di relazione che acquista specificità (formative, terapeutiche, di intervento, di ricerca, produttive) e significati.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Studenti frequentanti 

  • - C. Kaneklin C. Il gruppo in teoria e in pratica, Raffello Cortina Editore, 2010.
  • - C. Zucchermaglio. Psicologia culturale dei gruppi, Carocci, Roma, 2007.
  • Materiali forniti a lezione.

Studenti non frequentanti 

  • - C. Kaneklin C. Il gruppo in teoria e in pratica, Raffello Cortina Editore, 2010.
  • - C. Zucchermaglio. Psicologia culturale dei gruppi, Carocci, Roma, 2007.
  • - G. De Leo, B. Dighera, E. Gallizioli. La narrazione nel lavoro di gruppo. Strumenti per l’intervento psicosociale, Carocci, Roma, 2005.
  • - Capranico S.,  Role-playing,  Raffaello Cortina, Milano, 1997.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: DISFOR, 4° piano stanza 4°A4 Martedì ore 9.00 Tel. 01020953747 E-mail: nadia.rania@unige.it

Commissione d'esame

NADIA RANIA (Presidente)

LUCA ANDRIGHETTO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali, metodi attivi, esercitazioni pratiche e studio di casi

INIZIO LEZIONI

Le lezioni inizieranno il 2 di ottobre 2017

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

METODI E TECNICHE DI INTERVENTO DI GRUPPO

ESAMI

Modalità d'esame

Le conoscenze acquisite durante il corso saranno accertate attraverso una prova orale. Attraverso tale modalità, si verificheranno le conoscenze teoriche e metodologiche acquisite dallo studente. Per gli studenti frequentanti si prevede una valutazione in itinere.

Per sostenere l’esame è indispensabile iscriversi attraverso il portale studenti.

Modalità di accertamento

Attraverso domande dirette che permettano di indagare le conoscenze teoriche e metodologiche relative alla psicologia dei gruppi, e/o attraverso la presentazione e l’analisi critica di casi saranno valutati i risultati di apprendimento.

Gli studenti dovranno acquisire una sufficiente conoscenza teorica, metodologica e le competenze relative all'applicazione di diversi metodi e tecniche di intervento di gruppo in diversi contesti applicativi.

Gli studenti dovranno essere in grado di applicare le conoscenze acquisite e di comprendere e risolvere problemi riferiti all'utilizzo dei metodi e delle tecniche di gruppo nei diversi contesti applicativi.

Gli studenti dovranno saper utilizzare sia sul piano concettuale che su quello operativo le conoscenze acquisite con autonoma capacità di valutazione e con abilità nei diversi contesti applicativi.

Gli studenti dovranno acquisire il linguaggio tecnico tipico della disciplina per comunicare in modo chiaro e senza ambiguità con interlocutori specialisti e non specialisti.

Gli studenti dovranno sviluppare adeguate capacità di apprendimento che consentano loro di continuare ad approfondire in modo autonomo le principali tematiche della disciplina soprattutto nei contesti lavorativi in cui si troveranno ad operare.