BOTANICA FORENSE

BOTANICA FORENSE

_
iten
Codice
87102
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
2 cfu al 2° anno di 9916 SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI (L-32) GENOVA

2 CFU al 2° anno di 9016 MONITORAGGIO BIOLOGICO (LM-6) GENOVA

2 CFU al 2° anno di 9019 SCIENZE DEI SISTEMI NATURALI (LM-60) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/01
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI )
periodo
1° Semestre

PRESENTAZIONE

Acquisizione delle basi per lo studio della Botanica nelle sue applicazioni forensi: conoscenze di anatomia e morfologia vegetale utili al riconoscimento di piante e loro porzioni, anche sotto forma di frammenti (miscele erboristiche, semi, pollini, ecc) rinvenibili durante indagini di Polizia; problematica riguardante le piante da droga oggetto di narcotraffico e le nuove sostanze psicoattive (NSP) emergenti

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Acquisizione delle basi per lo studio della Botanica nelle sue applicazioni forensi: conoscenze di anatomia e morfologia vegetale utili al riconoscimento di piante e loro porzioni, anche sotto forma di frammenti (miscele erboristiche, semi, pollini, ecc) rinvenibili durante indagini di Polizia; problematica riguardante le piante da droga oggetto di narcotraffico e le nuove sostanze psicoattive (NSP) emergenti

Modalità didattiche

Lezioni frontali  di cui una presso il laboratorio di microscopia elettronica a scansione.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Introduzione. Breve storia dell’applicazione delle conoscenze botaniche nella investigazione e nella risoluzione di quesiti legali. Dal “Crime of the Century” (rapimento di Charles Lindbergh Jr.) all’applicazione a casi di omicidio e crimini di guerra o a cause legali.

Evidenze. Possibili fonti delle prove. Prove relative a palinologia, dendrologia e dendrocronologia, cenni di limnologia, anatomia vegetale, fitognosia (identificazione di individui, parti o resti di piante vascolari) e nozioni di base sulla biologia molecolare applicata al campo vegetale.

Metodi e casi studio. Tecniche di indagine. Problematiche e modalità di interpretazione dei dati. Datazioni di manufatti, situazioni ambientali, ricostruzione del periodo post mortem.

Piante velenose e piante da droga. In particolare, approfondimenti su Canapa (Cannabis sativa), Coca (Erytroxylum coca) e Papavero da oppio (Papaver somniferum).

Le nuove sostanze psicoattive (NPS) e “Smart drugs” (droghe naturali o droghe etniche): loro classificazione, con esempi (assenzio, Areca nut, Salvia divinorum, Catha edulis, Ipomoea spp., ecc), usi storici e tossicità.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Forensic Botany. Principles and Applications to Criminal Casework. Edited by Heather Miller Coyle. CRC Press 2005.

Smart drugs - seconda edizione. Simona Pichini et al. .Dipartimento del Farmaco - Osservatorio Fumo Alcol e Droga Istituto Superiore di Sanità - 2010. Centro Stampa De Vittoria srl. Roma. http://www.iss.it/binary/drog/cont/SD_COMPLETO_ridotto.pdf

A disposizione (scaricabili da Aula WEB per gli studenti iscritti al Corso) PDF slides lezioni.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Concordato direttamente con il docente tramite e mail.

Commissione d'esame

LAURA CORNARA (Presidente)

LUIGI MINUTO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali  di cui una presso il laboratorio di microscopia elettronica a scansione.

INIZIO LEZIONI

A partire dal metà Ottobre 2017 da concordare con il docente.

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

BOTANICA FORENSE

ESAMI

Modalità d'esame

Scritto, Orale

Modalità di accertamento

Prova scritta con domande aperte relative agli argomenti trattati durante il Corso. L’esame è finalizzato a valutare le conoscenze degli elementi fondamentali della materia, la capacità di collegamenti tra i vari argomenti e la padronanza degli aspetti applicativi.

ALTRE INFORMAZIONI

Fortemente consigliata.

Il corso sarà integrato da almeno un seminario di esperti del settore e verranno svolte osservazioni dirette di materiale di interesse forense.