LINGUA ARABA I

LINGUA ARABA I

_
iten
Codice
55868
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
9 cfu al 1° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11)
6 CFU al 1° anno di 9265 LINGUE E LETTERATURE MODERNE PER I SERVIZI CULTURALI (LM-37)
6 CFU al 1° anno di 9265 LINGUE E LETTERATURE MODERNE PER I SERVIZI CULTURALI (LM-38)
8 CFU al 1° anno di 10177 SCIENZE INTERNAZIONALI E DELLA COOPERAZIONE (LM-52)
8 CFU al 2° anno di 10177 SCIENZE INTERNAZIONALI E DELLA COOPERAZIONE (LM-52)
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-OR/12
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LINGUE E CULTURE MODERNE )
periodo
Annuale
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Lingua Araba I (9 CFU)

Il corso di Lingua Araba I include il Modulo Teorico e il lettorato.

La frequenza è indispensabile sia per il Modulo Teorico sia per il lettorato.

Il programma è valido per tutti gli studenti del primo anno dei corsi di laurea in LCM, tranne TTMI.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso annuale si prefigge come obiettivo il raggiungimento del livello A2 (Common European Framework) di competenza linguistica a partire dal livello pre-A1. Attraverso il Modulo Teorico e le esercitazioni grammaticali, al termine del corso lo studente avrà acquisito la conoscenza dei fondamenti della lingua araba nei suoi aspetti fonologico, morfologico, sintattico e semantico, come pure l’abilità di riconoscere e interpretare le strutture fondamentali dell’arabo scritto antico e moderno. Grazie al supporto di attività mirate all’acquisizione della competenza comunicativa (linguistica, sociolinguistica e pragmatica) di livello A1-A2, al termine del corso lo studente avrà acquisito l’abilità della comprensione e produzione orali in arabo colloquiale (livello A2: “Elementary”), nonché l’abilità della lettura, della scrittura e della traduzione di testi elementari (livello A2: “Elementary”). Al termine del corso annuale, lo studente saprà utilizzare le nozioni teoriche nella pratica linguistica, così come avrà sviluppato una consapevolezza di base della variazione linguistica nell’arabo contemporaneo.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine del corso gli studenti avranno acquisito le nozioni fonologiche, morfologiche, sintattiche e semantiche di base e sapranno:

- applicare le nozioni teoriche nella pratica linguistica;

- riconoscere e interpretare le strutture fondamentali della lingua araba.

Avranno sviluppato l’abilità della lettura, della scrittura e della traduzione di testi elementari e l’abilità della comprensione e produzione orali di base.

Modalità didattiche

Il Modulo Teorico (primo semestre) include 30 ore di lezione frontale e/o seminariale.

Il lettorato (primo e secondo semestre) include 100 ore di attività volte a sviluppare abilità linguistiche e esercitazioni grammaticali.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del Modulo Teorico consiste in un'introduzione alla linguistica dell'arabo e include:

  1. Linguistica: definizione/i;
  2. Linguistica e grammatica;
  3. Linguistica e arabo;
  4. Fonologia;
  5. Fonotassi e morfofonologia;
  6. Struttura sillabica e accento;
  7. Introduzione alla morfologia;
  8. Morfologia derivativa: i sistemi derivazionali della lingua araba;
  9. Morfologia flessiva;
  10. Analisi sintattica.

Il programma del lettorato include testi, lessico, grammatica ed esercizi delle prime dieci unità del Manuale di arabo moderno con esercizi e cd audio per l'ascolto (Edizione italiana, Volume 1) di Luc-Willy Deheuvels.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

  • Anghelescu, N. Linguaggio e cultura nella civiltà araba, edizione italiana a cura di M. Vallaro, Zamorani, Torino 1993.
  • Badawi, S. M. (al-), Carter, M.G., Gully, A. (2004). Modern Written Arabic: A Comprehensive Grammar. London & New York: Routledge.
  • Bateson, Mary C. (2003) [originally published in 1997], Arabic Language Handbook. (Georgetown Classics in Arabic Languages and Linguistics series). Washington DC: Georgetown University Press.
  • Beeston, A.F.L. (2006) [originally published in 1970), The Arabic Language Today. (Georgetown Classics in Arabic Languages and Linguistics series). Washington DC: Georgetown University Press.
  • Cowell, M.W. (2016) [2005, 1964]. A Reference Grammar of Syrian Arabic (with free downloadable MP3 files). Washington: Georgetown University Press.
  • Deheuvels, Luc-Willy (2010). Grammatica araba. Manuale di arabo moderno con esercizi e cd audio per l'ascolto. Edizione italiana a cura di Antonella Ghersetti. Bologna: Zanichelli. Volume 1.
  • Diez, M. Corso integrativo di linguistica araba, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano 2009.
  • Durand, O., Ventura, A. (2017). Bilād al-šām. Grammatica di arabo mediorientale. Lingua šāmī. Milano: Hoepli (collana: Studi Orientali).
  • Holes, Clives (2004) Modern Arabic. Structures, Functions, and Varieties (Revised Edition). (Georgetown Classics in Arabic Languages and Linguistics series). Washington DC: Georgetown University Press.
  • Kallas, E. (1995). Yatabi Lebnaaniyyi: un “livello soglia” per l’apprendimento del neoarabo libanese. Venezia: Libreria Editrice Cafoscarina.
  • Kassab, J. (1970). Manuel du parler arabe moderne au Moyen-Orient. Paris: Paul Gheuthner.
  • McLoughlin, L. (2009). Colloquial Arabic (Levantine). London and New York: Routledge.
  • Mion, G. La lingua araba, Carocci, Roma 2016 [2007].
  • Retsö, Jan (2013) "What is Arabic?". In: Jonathan Owens (ed.), The Oxford Handbook of Arabic Linguistics, Oxford: Oxford University Press. Chapter 19, pp. 433-450.
  • Ryding, Karin C. (2014), Arabic. A Linguistic Introduction. Cambridge and New York: Cambridge University Press.
  • Stetkevych, Jaroslav (2006) [originally published in 1970], The Modern Arabic Literary Language. (Georgetown Classics in Arabic Languages and Linguistics series). Washington DC: Georgetown University Press.
  • Vallaro, M. (1997). Parliamo arabo? Profilo (dal vero) d’uno spauracchio linguistico, Torino: Magnanelli.
  • Dizionari:

  • Baldissera, E. (2004). Dizionario Italiano-Arabo Arabo-Italiano, Bologna: Zanichelli.
  • Wehr, H. (1971). A Dictionary of Modern Written Arabic, edited by Milton Cowan. Wiesbaden: Otto Harrassowitz.

DOCENTI E COMMISSIONI

Manuela Elisa Giolfo

Il ricevimento ha luogo in Piazza Santa Sabina 2, Palazzo Serra, III Piano, Stanza II.03, telefono (+39) 010 209 5657. Telefono cellulare (+39) 3384416119. E-mail: manuela.giolfo@unige.it

Nel Primo Semestre il ricevimento ha luogo il venerdì dalle ore 14:30 alle ore 16:30.

Nel Secondo Semestre il ricevimento ha luogo su appuntamento: gli studenti interessati sono invitati ad inviare una mail a manuela.giolfo@unige.it

Commissione d'esame

ABDELJALIL BENTAJAR

MANUELA ELISA GIOLFO (Presidente)

FELICE ISRAEL

FEDERICO SALVAGGIO

LEZIONI

Modalità didattiche

Il Modulo Teorico (primo semestre) include 30 ore di lezione frontale e/o seminariale.

Il lettorato (primo e secondo semestre) include 100 ore di attività volte a sviluppare abilità linguistiche e esercitazioni grammaticali.

INIZIO LEZIONI

INIZIO LEZIONI:

Modulo Teorico: primo semestre, da mercoledì 18 ottobre 2017

Lettorato: primo semestre, da martedì 17 ottobre 2017

ORARIO MODULO TEORICO_primo semestre:

Mercoledì

11-12 Lingua Araba I (MT) Aula IV (Balbi 5)

Venerdì

12-13 Lingua Araba I (MT) Aula D (Polo Didattico)

13-14 Lingua Araba I (MT) Aula D (Polo Didattico)

ORARIO LETTORATO_primo semestre:

Martedì dalle ore 17:00 alle ore 19:00 (aula 1 - Albergo dei Poveri);

Venerdì dalle ore 16:00 alle ore 18:00 (aula 11 - Albergo dei Poveri).

ESAMI

Modalità d'esame

Prova scritta finale e prova orale finale.

Per essere ammessi alla prova orale finale, gli studenti devono aver superato la prova scritta finale.

Gli esami sono annuali e si svolgono a partire dalla sessione estiva dello stesso anno accademico in cui viene tenuto il corso.

È obbligatoria l'iscrizione online dal sito di Ateneo alla prova scritta finale e alla prova orale finale.

Modalità di accertamento

Prova scritta finale: verifica delle conoscenze acquisite e delle abilità sviluppate.

Prova orale finale: verifica delle conoscenze acquisite e delle abilità sviluppate.

ALTRE INFORMAZIONI

Prerequisiti: iscrizione valida al primo anno di corso.