AUTOMAZIONE A FLUIDO

AUTOMAZIONE A FLUIDO

_
iten
Codice
60261
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
6 cfu al 2° anno di 8738 INGEGNERIA NAVALE (LM-34) GENOVA

6 CFU al 2° anno di 9269 INGEGNERIA MECCANICA - PROGETTAZIONE E PRODUZIONE (LM-33) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/13
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA NAVALE )
periodo
2° Semestre

PRESENTAZIONE

. Il corso si propone di fornire da un lato gli strumenti per la conoscenza, l’identificazione e l’analisi di componenti e sistemi pneumatici ed oleoidraulici e dall’altro elementi di approfondimento su una loro utilizzazione in sistemi di automazione industriale, attraverso un approccio teorico-sperimentale.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Componenti e sistemi pneumatici ed oleodinamici per attuzione, comando e controllo. Unità on-off, proporzionali e servo-assistite. Interfacciamento con PLC e unità di controllo dedicate,centralizzate e distribuite. Componenti integrati e ibridi. Applicazioni oleodinamiche per attuazioni primarie ed in ausiliari di bordo.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Pneumatica: trattamento e distribuzione dell’aria. Compressori. Attuatori. Valvole pneumatiche ed elettropneumatiche, on/off e proporzionali. Componentistica di circuito e criteri di scelta. Circuiti per automazioni pneumatiche. Modelli dinamici. Componenti pneumatici speciali. Oleoidraulica: caratteristiche e trattamento dei fluidi. Pompe e motori. Comandi e controlli on/off, proporzionali, servo-assistiti. Criteri di scelta di componenti. Circuiti per automazioni oleoidrauliche. Modelli dinamici. Trasmissioni idrostatiche per automazione. CAD/CAE per sistemi a fluido: modellazione di circuiti, simulazione, cataloghi informatizzati. Sensori e trasduttori per circuiti automatici a fluido. Sensori integrati. Interfacciamento con unità di controllo a microprocessore: architetture hardware e software. Automazione flessibile a fluido tramite controllori logici programmabili (PLC), unità elettroniche dedicate, PC industriali. Sistemi a controllo distribuito: bus di campo, ASI. Aspetti specifici di pneumotronica e oleotronica. Componenti innovativi ed “intelligenti”. Azionamenti dedicati a specifiche applicazioni: timoneria, pinne stabilizzatrici anti-rollio, assetto di pale in eliche a passo variabile.

Modalità didattiche

 Il corso prevede, accanto allo svolgimento di lezioni ed esercitazioni in aula, nonchè lo sviluppo di consistente attività di laboratorio. Gli allievi operano direttamente nella realizzazione di circuiti di azionamento e nella loro simulazione dinamica. 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Pneumatica: trattamento e distribuzione dell’aria. Compressori. Attuatori. Valvole pneumatiche ed elettropneumatiche, on/off e proporzionali. Componentistica di circuito e criteri di scelta. Circuiti per automazioni pneumatiche. Modelli dinamici. Componenti pneumatici speciali. Oleoidraulica: caratteristiche e trattamento dei fluidi. Pompe e motori. Comandi e controlli on/off, proporzionali, servo-assistiti. Criteri di scelta di componenti. Circuiti per automazioni oleoidrauliche. Modelli dinamici. Trasmissioni idrostatiche per automazione. CAD/CAE per sistemi a fluido: modellazione di circuiti, simulazione, cataloghi informatizzati. Sensori e trasduttori per circuiti automatici a fluido. Sensori integrati. Interfacciamento con unità di controllo a microprocessore: architetture hardware e software. Automazione flessibile a fluido tramite controllori logici programmabili (PLC), unità elettroniche dedicate, PC industriali. Sistemi a controllo distribuito: bus di campo, ASI. Aspetti specifici di pneumotronica e oleotronica. Componenti innovativi ed “intelligenti”. Azionamenti dedicati a specifiche applicazioni: timoneria, pinne stabilizzatrici anti-rollio, assetto di pale in eliche a passo variabile.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

F. Yeaple “Fluid power design handbook”, M. Dekker, New York, 1990.

H. Warring “Hydraulic handbook”, Trade & Technical Press, New York, 1985.

A. Barber “Pneumatic handbook”, Trade & Technical Press, New York, 1985.

G. Belforte “Manuale di Pneumatica”, II ed., Tecniche Nuove, Milano, 2005.

H. Speich, A. Bucciarelli “L’oleodinamica”, Tecniche Nuove, Milano, 1988.

A. Hughes “Programmable controllers”, ISA, New York, 1989.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Martedi ore 14.00 - 17.00, o se necessario, su appuntamento

Commissione d'esame

ENRICO RAVINA (Presidente)

CESARE MARIO RIZZO

LEZIONI

Modalità didattiche

 Il corso prevede, accanto allo svolgimento di lezioni ed esercitazioni in aula, nonchè lo sviluppo di consistente attività di laboratorio. Gli allievi operano direttamente nella realizzazione di circuiti di azionamento e nella loro simulazione dinamica. 

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

Prova orale