LABORATORIO TEMATICO DESIGN

LABORATORIO TEMATICO DESIGN

_
iten
Codice
84622
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
15 cfu al 3° anno di 9274 DESIGN DEL PRODOTTO E DELLA NAUTICA (L-4) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ICAR/13
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (DESIGN DEL PRODOTTO E DELLA NAUTICA)
periodo
Annuale
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 2 frazioni: A, B. Questa pagina si riferisce alla frazione A
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il laboratorio tematico si propone come occasione per maturare le conoscenze relative ai metodi e alle tecniche del progetto in tutte le sue fasi: dall’analisi del contesto di riferimento all’individuazione dei bisogni, alla verifica degli aspetti tecnologici, produttivi, culturali e sociali, alla comunicazione del progetto.  Con il supporto delle attività gli studenti dovranno dimostrare di saper gestire ogni fase del ciclo progettuale e di saperne produrre i relativi elaborati.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso si propone di sviluppare un’attitudine all’innovazione che consenta allo studente di collegare il progetto ai cambiamenti sociali, alle dinamiche di mercato, allo sviluppo tecnologico, all’interno dello scenario contemporaneo. Attraverso esperienze e sperimentazioni guida alla comprensione della dialettica fra il progetto – inteso nella più ampia accezione del termine – e la trasformazione dei comportamenti, del contesto, degli ambienti sociali e culturali, per acquisire una propria consapevolezza del processo progettuale.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso si articola nei seguenti moduli:

design tematico, 10 CFU

design dei servizi, 2 CFU

prototipazione e autoproduzione 3 CFU

che supporteranno il lavoro  degli studenti verso sviluppo di prodotti nell'ambito del tema concordato. 

Modalità didattiche

Il laboratorio è uno spazio di lavoro e di collaborazione, in cui si apprende mettendosi in gioco e attraverso il confronto con gli altri. Saranno forniti alcuni contributi teorico/pratici, ma la didattica e l’apprendimento passa attraverso l’esercizio, la revisione, l’approfondimento. Inquadrate all’interno di un tema saranno proposte esercitazioni progettuali da svolgere progressivamente. Un workshop intensivo, nel mese di febbraio, sarà l’occasione per sviluppare il modello/prototipo del progetto. Durante il corso saranno proposte consegne intermedie corrispondenti a varie fasi del progetto tematico generale, con relativa presentazione degli elaborati necessari alla sua ideazione e realizzazione. 

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il laboratorio tematico si propone di preparare gli studenti alla tesi finale, fornendo il supporto metodologico e temi di riflessione, considerando il design come strumento per generare innovazione sociale, per lavorare con l’obiettivo di contribuire a migliorare la vita delle persone in un ottica sostenibile. Il Design in particolare si fa carico dei temi problematici del nostro mondo: l’ambiente e l’inquinamento da una parte, i meccanismi dello sviluppo e l’attuale modello di vita dall’altra. Il progetto è guardare al futuro, e anche se un progetto non può certo cambiare il mondo, può partecipare, con la sua tensione, a restituire un messaggio, a proporre una nuova visione, a renderla sperimentabile. Il designer può essere considerato un “attivatore” di storie: un co-autore che insieme a tutti gli stakeholder interessati allo scopo di uno specifico atto progettuale, innesca la storia per co-costruire insieme il percorso che porta allo sviluppo e alla realizzazione del progetto.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Testi base

Armstrong, L., Bailey J., Julier G.,& Kimbell L. (2014) Social Design Futures: HEI Research and the AHRC, University of Brighton and Victoria and Albert Museum. (http://mappingsocialdesign.org/2014/10/09/social-design-futures-report/)

Best, K. (2016), Design Management, Gestire strategie, processi e implementazione, Ed. It. Zanichelli, A cura di F. Zurlo.

Fagnoni R., Design e…: primo approccio al mondo degli oggetti. Firenze: Alinea, 2001. (Pagg. 9-88.)

Mau, B., 2004, Massive Change, Phaidon Press, Londra, 240 pagg.

Altri testi

Bistagnino L., Design Sistemico. Progettare la sostenibilità produttiva e ambientale. Cuneo: Slow Food Editore, 2009. ( Cap.I: pag. 7-40 – Cap. II: pagg. 49-116  - Cap.III: pagg. 188-198.)

Gauntlett, D. (2011), La società dei Makers. La creatività del fai da te al Web 2.0, Venezia, Marsilio Editori

Maeda, John, 2006, Le leggi della semplicità, Mondadori

Mari, E. (2002), Autoprogettazione?, Mantova, Edizioni Corraini

Mari, E. (2011), 25 modi per piantare un chiodo, Mantova, Edizioni Corraini

Molotch, H. (2005). Fenomenologia del tostapane. Milano: Raffaello Cortina Editore. (Capitoli scelti)

Papanek, 1969, Design for the Real World, edizione It. Progettare per il mondo reale,  Milano, Mondadori, 1971 p. 349, 

Silverman, D. 2002, Come fare ricerca qualitativa - Carocci,  5 ed. 2010

Thompson, Rob, 2012, Il manuale per il design dei prodotti industriali, Zanichelli

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento via e-mail a fagnoni@arch.unige.it  

Ricevimento: Giovedì previo appuntamento via e-mail a mariofullone1@hotmail.com

Ricevimento: Martedì dalle 11:00 alle 13:00

Commissione d'esame

RAFFAELLA FAGNONI (Presidente)

NICOLETTA RAFFO

FRANCESCO REPETTO

SILVIA PERICU

MARIO FULLONE

XAVIER FERRARI TUMAY

ENRICO TOMMASO CARASSALE

CHIARA OLIVASTRI

LEZIONI

Modalità didattiche

Il laboratorio è uno spazio di lavoro e di collaborazione, in cui si apprende mettendosi in gioco e attraverso il confronto con gli altri. Saranno forniti alcuni contributi teorico/pratici, ma la didattica e l’apprendimento passa attraverso l’esercizio, la revisione, l’approfondimento. Inquadrate all’interno di un tema saranno proposte esercitazioni progettuali da svolgere progressivamente. Un workshop intensivo, nel mese di febbraio, sarà l’occasione per sviluppare il modello/prototipo del progetto. Durante il corso saranno proposte consegne intermedie corrispondenti a varie fasi del progetto tematico generale, con relativa presentazione degli elaborati necessari alla sua ideazione e realizzazione. 

 

INIZIO LEZIONI

 

 

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

LABORATORIO TEMATICO DESIGN A

ESAMI

Modalità d'esame

Modalità esame Frequentanti

La presenza al corso è obbligatoria e sarà verificata a ogni lezione tramite foglio delle presenze. È necessario avere almeno il 70 % di presenze. All’esame ogni gruppo di studenti presenterà il proprio lavoro in forma sintetica. Esso può essere introdotto da un video (da 30 a 60 secondi) che illustri il progetto/i senza bisogno di commenti aggiuntivi. Ciascun lavoro sarà raccolto in un quaderno, all’interno del quale sarà presentato il racconto del progetto (relativo alla serie di esercitazioni progettuali proposte) e saranno contenuti gli elaborati tecnici e descrittivi (dall’analisi dei bisogni e del target all’immaginario di riferimento; gli obiettivi del progetto, il funzionamento, gli aspetti tecnici, la realizzazione dei modelli, il rapporto con l’uomo, la possibile strategia di valorizzazione e sostenibilità economica).  Ognuno, all’interno del proprio percorso potrà sviluppare diversi possibili aspetti di approfondimento personale. Da questo può prendere avvio lo sviluppo in elaborato di tesi. Per ogni proposta progettuale sarà presentata una sintesi che evidenzi : 1. Inquadramento (riferimenti, contesto) 2. Concetto (intuizione, senso)

3. Visione (utopia, provocazione) Per sostenere l’esame è necessario realizzare il modello/prototipo fisico oltre che digitale.

Il voto sarà maturato con le valutazioni intermedie e giudizio sulla maturazione dello studente durante il percorso del laboratorio.

 

Modalità esame Non Frequentanti

Gli studenti che scelgono la modalità non frequentanti devono segnalarlo all’inizio del corso. L’esame verterà sulla presentazione delle esercitazioni di progetto concordate con il docente e su una verifica della preparazione (con interrogazione orale) sui testi della bibliografia proposta. Dovranno essere inoltre presentate delle ricerche di casi studio documentati coerenti con il tema scelto.

Il voto sarà determinato dalla verifica della preparazione sui testi indicati e dalla valutazione del progetto, ovvero qualità dei progetti presentati, rispondenza del progetto agli obiettivi, livello di innovazione, sintesi, completezza ed efficacia della presentazione.