SEMIOTICA E COMUNICAZIONE

SEMIOTICA E COMUNICAZIONE

_
iten
Codice
80243
ANNO ACCADEMICO
2017/2018
CFU
9 cfu al 2° anno di 8752 SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE (L-20)
6 CFU al 2° anno di 8457 LETTERE (L-10)
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-FIL/05
LINGUA
Italiano
SEDE
SAVONA (SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso prevede una parte istituzionale, che ricostruirà i temi di storia della semiotica, delle scienze sociali e del pensiero linguistico-antropologico e filosofico contemporaneo confluiti nella semiotica interpretativa, e una parte monografica dedicata a stabilire identità e tratti caratteristici di forme di pensiero eclettiche  rispetto ai luoghi comuni e agli stereotipi presenti in sistemi culturali, forme operative e tipi di organismi diffusi nella realtà contemporanea.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso esamina i concetti e i principi teorici elaborati dalle diverse scuole di semiotica sulla funzione del linguaggio e di altri sistemi espressivi nella struttura della conoscenza umana, e li applica a testi quali i processi sociali, i fenomeni culturali e i dibattiti più avanzati e innovativi della realtà contemporanea, come ad es. la sovranità alimentare, l'obiezione al consumo, la teoria della decrescita, l'antropologia teatrale. Obiettivo è lo sviluppo di autonomia di pensiero e indipendenza rispetto a stereotipi e luoghi comuni della cultura di massa corrente.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso si propone di fornire chiavi di lettura storica e teorica dei principali concetti elaborati dalle diverse scuole di semiotica sulla funzione del linguaggio nella formazione e nell’organizzazione della conoscenza umana.

Obiettivo del corso è sviluppare autonomia di giudizio, indipendenza di pensiero e visione critica personale nell'adozione di principi teorici, strumenti operativi e criteri di interpretazione di fenomeni (fatti, oggetti, processi) della realtà contemporanea, sapendo adottare inoltre una adeguata prospettiva storico-culturale che contestualizzi culturalmente i fenomeni esaminati e gli strumenti stessi d'uso dell'analista, evitando luoghi comuni diffusi nell'attuale cultura di massa e imparando a organizzare un discorso chiaro, coerente e strutturato scevro di gergalismi.

 

Modalità didattiche

Lezione in aula, con obbligo di frequenza

PROGRAMMA/CONTENUTO

Titolo:

Tratti dissidenti: economie dissenzienti, pensiero eclettico e teatro contadino.

 

Programma del corso.

Il corso stabilirà, in diversi ambiti del sistema culturale contemporaneo, identità e tratti caratteristici di forme di pensiero eclettico e anticonformista rispetto ai luoghi comuni e agli stereotipi assestati nei sistemi culturali e nel pensiero comune corrente, nelle teorie paradigmatiche e nelle ideologie socialmente diffuse. Tale configurazione risulterà dall’analisi di organismi che praticano forme di economia dissenziente nell’ambito del paradigma della “demercificazione” (o “obiezione al mercato”), di cui saranno esaminati temi e caratteristiche, nell’ambito di gruppi e comunità teatrali che praticano forme di teatro rurale e contadino, e in sistemi teorici eclettici e dissidenti rispetto alle ideologie culturali correnti. La parte istituzionale del corso verterà sulla ricostruzione dei temi di storia della semiotica, delle scienze sociali e del pensiero linguistico-antropologico e filosofico contemporaneo confluiti nella semiotica interpretativa.

 

Testi per l’esame.

1. Testo di riferimento:

R.Pellerey, Semiotica e decrescita. Obiezione al consumo, cooperazione internazionale e sovranità alimentare: un nuovo paradigma, Milano, FrancoAngeli, 2015.

 

2. Pensiero eclettico e teatro contadino, un testo a scelta tra:

S.D’Agostino (a cura di), On Tiptoe a Santa Clara, Roma, Bulzoni, 2010.

Maria Giacobbe Borelli (a cura di), Teatro Natura, Spoleto, Editoria & Spettacolo, 2015.

Gilles Clément, Elogio delle vagabonde. Erbe, arbusti e fiori alla conquista del mondo, Roma, DeriveApprodi, 2010.

U.Eco, La ricerca della lingua perfetta, Roma-Bari, Laterza, 1993.

P.Feyerabend, Contro il metodo. Abbozzo di una teoria anarchica della conoscenza, Milano, Feltrinelli, 1979.

J.Grotowski, Per un teatro povero, Roma, Bulzoni, 1970.

I.Illich, La convivialità, Milano, Red Edizioni, 2013.

F. La Cecla, Elogio dell’Occidente, Milano, Elèuthera, 2016.

F.Nietzsche, La nascita della tragedia, Roma-Bari, Laterza, 1978.

F.Nietzsche, Sull’utilità e il danno della storia per la vita. Considerazioni inattuali II, Milano, Adelphi, 1973-74.

Giuliano Scabia, Il gorilla quadrumano. Il teatro come ricerca delle nostre radici profonde, Milano, Feltrinelli, 1974.

 

3. Un testo classico della semiotica e della linguistica contemporanee, a scelta tra i seguenti:

AAVV, L’analisi del racconto, Milano, Bompiani, 1969.

R.Barthes, Il piacere del testo, Torino, Einaudi, 1975.

M.Bachtin, Dostoevskij. Poetica e stilistica, Torino, Einaudi, 1968.

U.Eco, Lector in fabula, Milano, Bompiani, 1979.

U.Eco, Trattato di semiotica generale, Milano, Bompiani, 1975.

A.J.Greimas, Maupassant. Esercizi di semiotica del testo, Torino, Centro Scientifico Editore, 1995.

R.Jakobson, Saggi di linguistica generale, Milano, Feltrinelli, 1966.

R.Jakobson, La linguistica e le scienze dell’uomo. Sei lezioni sul suono e sul senso, Milano, Il saggiatore, 1978.

J.M.Lotman-B.A.Uspenskij, Tipologia della cultura, Milano, Bompiani, 1975.

T.Todorov (a cura di), I Formalisti russi. Teoria della letteratura e metodo critico, Torino, Einaudi, 1968.

 

4. Un testo classico del pensiero contemporaneo, a scelta tra i seguenti:

M.Bachtin, L’opera di Rabelais e la cultura popolare. Riso, carnevale e festa nella tradizione medievale e rinascimentale, Torino, Einaudi, 1979.

M.Bloch, I re taumaturghi, Torino, Einaudi, 1989.

E.De Martino, La terra del rimorso, Milano, Il Saggiatore, 1961.

M.Detienne, J.P.Vernant, Le astuzie dell’intelligenza nell’antica Grecia, Roma-Bari, Laterza, 1984.

M.Foucault, Storia della follia, Milano, Rizzoli, 1963.

C.Ginzburg, Il formaggio e i vermi, Torino, Einaudi, 1976.

T.Kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Torino, Einaudi, 1969.

R.Laing, L’io diviso, Torino, Einaudi, 1969.

C.Lévi-Strauss, Tristi tropici, Milano, Il Saggiatore, 1965.

C.Lévi-Strauss, Razza e storia, e altri studi di antropologia, Torino, Einaudi, 1967.

H.Marcuse, L’uomo a una dimensione, Torino, Einaudi, 1967.

K.Polanyi, La grande trasformazione, Torino, Einaudi, 1974.

C.Segre, Fuori del mondo. I modelli nella follia e nelle immagini dell’aldilà, Torino, Einaudi, 1990.

C.Segre, Teatro e romanzo, Torino, Einaudi, 1984.

Federico Zeri, Dietro l’immagine, Milano, TEA, 1987.

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

I testi d'esame sono indicati nella sezione Programma

DOCENTI E COMMISSIONI

Roberto Pellerey

Dr. Roberto Pellerey: orari di ricevimento nel periodo 15 Febbraio – 15 marzo 2018

(corso “Semiotica”)

 

Ricevimento studenti nel periodo Febbraio-Marzo 2018:

lunedì 19 febbraio ore 14,00-16,00 presso Disfor

mercoledì 21 febbraio: ore 12,00-14,00 presso Disfor

lunedì 26 febbraio: ore 16,30-18,30 Campus Universitario Savona (Sala Professori, Pal. Lagorio)

mercoledì 28 febbraio: ore 14,30-16,30 presso Disfor

lunedì 5 marzo: ore 12,30-14,30 presso Disfor

giovedì 8 marzo: ore 16,30-18,30 Campus Universitario Savona (Sala Professori, Pal. Lagorio)

 

Per necessità particolari: si può scrivere al tutor didattico, dott.ssa Stefania Basso: babel2002@libero.it

 

Commissione d'esame

CARLO FRECCERO

ROBERTO PELLEREY (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezione in aula, con obbligo di frequenza

INIZIO LEZIONI

Le lezioni inizieranno martedì 26 settembre e termineranno giovedì 21 dicembre.

In caso di rinvio dell'inizio delle lezioni di una settimana, gli studenti saranno avvisati in tempo utile.

ESAMI

Modalità d'esame

Esame Orale

Modalità di accertamento

L'esame sarà costituito da una parte di domande mirate sulla sezione istituzionale e una parte di domande specifiche sulla parte monografica del programma per verificare la comprensione delle problematiche e delle questioni di fondo esaminate e discusse nel corso, oltre ai principi di fondo della semiotica.

ALTRE INFORMAZIONI

  • a) Di tutti i testi in programma sono ugualmente utilizzabili le successive riedizioni e ristampe.

    b) Per informazioni di carattere didattico e per i ricevimenti del II semestre ci si può rivolgere al tutor didattico, dott.ssa Stefania Basso: babel2002@libero.it

    c) Gli studenti iscritti ad altri Corsi di Laurea per cui l’esame vale 6 crediti non portano all’esame il punto 4 del programma; in alternativa sono invitati a concordare un programma specifico recandosi a ricevimento dal docente.

    d) Studenti non frequentanti: si richiede un colloquio a ricevimento per orientare la scelta dei testi in relazione agli interessi specifici