FISICA GENERALE 1

FISICA GENERALE 1

_
iten
Codice
52501
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
9 cfu al 2° anno di 8766 STATISTICA MATEM. E TRATTAM. INFORMATICO DEI DATI (L-35) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
FIS/01
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (STATISTICA MATEM. E TRATTAM. INFORMATICO DEI DATI )
periodo
1° Semestre

PRESENTAZIONE

L'insegnamento di base della Fisica nel corso di laurea di Statistica è orientato a potenziare le capacità di osservazione e di ragionamento.  Viene data particolare importanza alla capacità di descrivere con adeguate semplificazioni e modelli matematici i fenomeni, riconoscendo un ambito di applicazione del modello.  Il programma prevede una introduzione alla Meccanica ed una introduzione alla Termodinamic con brevi cenni agli aspetti statistici.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Comprendere le leggi fondamentali della meccanica e della termodinamica. Sviluppare la capacità di risolvere problemi relativi agli argomenti del corso.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Sviluppare la capacità di descrivere i principali fenomeni fisici nell’ambito della Meccanica e della Termodinamica utilizzando semplici modelli matematici macroscopici e microscopici. Saper risolvere semplici esercizi che costituiscono la schematizzazione di un caso di studio reale.

Modalità didattiche

Lezioni in aula con esempi ed esercizi svolti.  L'insegnamento prevede circa 52 ore di lezione e 20 ore di esercizi .  Coinvolgimento della classe ( alla lavagna, o discussione in aula ) nella impostazione e soluzione dei problemi.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Metodo scientifico. Grandezze fisiche.  Errori.  Leggi della Meccanica del punto materiale e introduzione ai Sistemi di punti. Conservazione dell’energia e della quantità di moto. Proprietà meccaniche dei Fluidi.  Introduzione ai principi della Termodinamica. Su tutti gli argomenti vengono portati esempi e applicazioni volti a sviluppare la capacità di fare modelli per comprendere ( e prevedere) il comportamento dei sistemi studiati. Modelli microscopici: cenni alla teoria cinetica dei gas, significato statistico dell’entropia.

Programma dettagliato su Aulaweb

TESTI/BIBLIOGRAFIA

- Appunti presi a lezione ( con l’ausilio delle Note distribuite su Aulaweb);  per approfondimenti si  veda:

- Focardi, Massa, Uguzzoni, Villa  Fisica Generale Meccanica e Termodinamica, II ed. , Casa Editrice Ambrosiana;   chi preferisce può consultare in alternativa i seguenti testi un poco più semplici:

- Giancoli Fisica 1, seconda edizione, Casa Editrice Ambrosiana;  oppure:
- D.Halliday, R.Resnick,J. Walker, Fondamenti di Fisica, sesta edizione, Casa Editrice Ambrosiana.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: S appuntamento da richiedere a lezione oppure con email al docente.

Ricevimento: Ricevimento su richiesta

Commissione d'esame

ANNALISA RELINI (Presidente)

SILVANA TERRENI (Presidente)

MARIA PIERA ROGANTIN

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni in aula con esempi ed esercizi svolti.  L'insegnamento prevede circa 52 ore di lezione e 20 ore di esercizi .  Coinvolgimento della classe ( alla lavagna, o discussione in aula ) nella impostazione e soluzione dei problemi.

INIZIO LEZIONI

26 settembre 2016

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame consiste in:

 Una prova scritta che consiste nella risoluzione di tre semplici problemi in tre ore.  Un problema di Meccanica, un problema sui Fluidi oppure di Meccanica, uno di Termodinamica. E' valutata anche la capacità di lettura del testo e schematizzazione del problema.  Le date sono fissate nel calendario per la sessione invernale, ulteriori date possono essere concordate  nelle altre sessioni richieste.  La prova superata mantiene validità per tutto l’anno accademico.

Una prova orale che consiste in:  una breve discussione dello scritto,  due domande su argomenti generali del programma.  La durata della prova è di circa mezz’ora. La data della prova orale può essere concordata dagli studenti al momento dello scritto ( o di qualche scritto successivo ).

 

Modalità di accertamento

La prova scritta è articolata in più quesiti per ogni problema ed è volta ad accertare: la capacità di schematizzare e modellizzare semplici fenomeni, nonché la capacità di utilizzare adeguatamente le leggi fisiche che li descrivono.

La prova orale è utilizzata per chiarire eventuali carenze mostrate nello scritto e per accertare attraverso poche domande la conoscenza delle principali leggi fisiche introdotte nell'insegnamento.