TIROCINIO

iten
Codice
55881
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
12 cfu al 1° anno di 8711 SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) GENOVA
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Le lezioni di "Tirocinio. Guida nei servizi" sono propedeutiche all'avvio dei tirocini, sono focalizzate su:

- competenze dell'assistente sociale specialista;

- funzioni dell'assistente sociale specialista nei diversi ruoli e nei diversi servizi;

- modalità di avvio, monitoraggio, valutazione dei tirocini,

- il percorso di tirocinio: progetto formativo, piano di tirocinio, svolgimento delle eattività, relazione finale.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Gli obiettivi da perseguire si riferiscono all' acquisizione delle metodologie di gestione dei serivizi sociali

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Per individuare gli obiettivi del tirocinio magistrale, occorre tenere presenti le principali competenze dell’assistente sociale specialista, elencate nel DPR 328/2001:

a) elaborazione e direzione di programmi nel campo delle politiche e dei servizi sociali;

b) pianificazione, organizzazione e gestione manageriale nel campo delle politiche e dei servizi sociali;

c) direzione di servizi che gestiscono interventi complessi nel campo delle politiche e dei servizi sociali;

d) analisi e valutazione della qualita' degli interventi nei servizi e nelle politiche del servizio sociale.

Il Decreto Ministeriale del 16/03/2007 sulle Classi Lauree Magistrali istituisce la Classe delle lauree magistrali in SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI, stabilisce gli OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI. Quelli che riguardano più direttamente il tirocinio sono i seguenti:

- possedere competenze metodologiche approfondite di ricerca sociale, relative al rilevamento e al trattamento dei dati e alla comprensione del funzionamento delle società complesse, anche in specifici settori di applicazione;

- possedere competenze per la decodifica di bisogni complessi delle persone, delle famiglie, dei gruppi e del territorio, per la formulazione di diagnosi sociali, per il counseling psicosociale, per interventi di mediazione negli ambiti familiare, minorile, sociale e penale, per la gestione e l'organizzazione di risorse sia in ambito pubblico che di privato sociale;

- possedere competenze per progettare sistemi integrati di benessere locale e attivare e gestire, in ambito nazionale e internazionale, programmi di informazione, sensibilizzazione, responsabilizzazione, concertazione e protezione sociale di gruppi e comunità, a tutela dei loro diritti sociali;

- possedere abilità di progettazione, pianificazione, organizzazione e gestione manageriale nel campo delle politiche, dei servizi sociali e socio sanitari, pubblici e di privato sociale; di analisi e valutazione di qualità dei servizi e delle prestazioni svolte;

- possedere adeguate competenze per la comunicazione e la gestione dell'informazione;

- possedere esperienze qualificanti in rapporto a specifiche aree di intervento.

MODALITA' DIDATTICHE

Lezioni in aula ed esperienza guidata nella realtà dei servizi: ricerca di una circolarità pratica-teoria-pratica, attraverso un confronto riflessivo sulle pratiche professionali

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il tirocinio consiste in una esperienza guidata nella realtà dei servizi, finalizzata all’apprendimento professionale e all’acquisizione graduale delle competenze dell’assistente sociale specialista.

La sede del tirocinio sarà concordata tra studente e docente, individuandola tra gli Enti convenzionati, dove sia presente il Servizio sociale professionale con funzioni di programmazione, gestione e valutazione dei servizi.

Lo studente dovrà redigere in accordo con il supervisore e con il docente il piano di tirocinio, considerando i seguenti obiettivi formativi:

a) favorire l’acquisizione di abilità tecnico professionali in ordine a ruoli di direzione, coordinamento, gestione di servizi e all’esercizio di compiti di programmazione, progettazione, valutazione;

b) acquisire conoscenze aggiornate in ordine alle trasformazioni in atto nel sistema delle politiche e dei servizi sociali sotto il profilo normativo, istituzionale e organizzativo;

c) rafforzare conoscenze e abilità nell'attuazione e valutazione degli interventi a favore di persone, gruppi, comunità, e nella promozione di buone prassi.

Le attività di osservazione, studio e sperimentazione diretta devono rientrare nelle seguenti aree:

1) la progettazione nei servizi sociali, secondo l’articolazione metodologica in fasi;

2) le funzioni di direzione, coordinamento, programmazione e valutazione nei servizi sociali;

3) la ricerca sociale e di servizio sociale;

4) l’attuazione e valutazione delle pratiche professionali, con particolare attenzione agli interventi ad alta complessità che necessitano di capacità di integrazione interdisciplinare e interorganizzativa. 
 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti frequentanti
E’ richiesta la conoscenza del Codice Deontologico (C.N.O.A.S., 2009) e della Definizione Internazionale di Servizio sociale (I.F.S.W., 2014).

Letture consigliate:

Castello I., Il progetto nel Servizio sociale, Università degli Studi di Genova, 1997.

Leone L., Prezza M., Costruire e valutare i progetti nel sociale, FrancoAngeli, Milano, 1999.

Guidi P., Mordeglia S. (a cura di), Percorsi di ricerca in Servizio sociale, ECIG, Genova, 2015.

Altro materiale bibliografico verrà eventualmente indicato agli studenti in modo individualizzato considerando l’oggetto di approfondimento del tirocinio. 


Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti non frequentanti
La frequenza alle lezioni introduttive e alle attività di tirocinio è obbligatoria.   
 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il docente riceve su appuntamento, che potrà essere richiesto via email a: mario.marini@unige.it

Commissione d'esame

MARIO MARINI (Presidente)

MARIA LAURA ANNALORO

MARCELLA VALENTE

LEZIONI

MODALITA' DIDATTICHE

Lezioni in aula ed esperienza guidata nella realtà dei servizi: ricerca di una circolarità pratica-teoria-pratica, attraverso un confronto riflessivo sulle pratiche professionali

INIZIO LEZIONI

I SEMESTRE dal 19 settembre al 9 dicembre 2016 (12 settimane)
II SEMESTRE dal 1° marzo al 19 maggio 2017 (12 settimane)


 

Orari delle lezioni

TIROCINIO

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Modalità di svolgimento dell’esame È richiesta la stesura di una relazione di tirocinio, da inviare al docente non oltre 60 giorni dalla conclusione del tirocinio stesso e almeno 20 giorni prima della data dell’esame. L’esame verterà sulla rielaborazione dell’esperienza di tirocinio e sulla discussione dei contenuti della relazione, integrata dalla valutazione espressa dal supervisore, che rappresenta elemento essenziale per l’approvazione del tirocinio.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
23/05/2017 15:00 GENOVA Orale
06/06/2017 15:00 GENOVA Orale
20/06/2017 15:00 GENOVA Orale
04/07/2017 15:00 GENOVA Orale
12/09/2017 15:00 GENOVA Orale