REGOLE COMUNITARIE E GARANZIE SOVRANAZIONALI DEL PROCESSO CIVILE

REGOLE COMUNITARIE E GARANZIE SOVRANAZIONALI DEL PROCESSO CIVILE

_
iten
Codice
55644
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
3 cfu al 3° anno di 7996 GIURISPRUDENZA (LMG/01) IMPERIA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/13
LINGUA
Italiano
SEDE
IMPERIA (GIURISPRUDENZA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

mod. 1 Regole comunitarie e garanzie sovranazionali del processo civile Approfondimenti sul regolamento 44/2001; le nuove regole comuni di diritto processuale civile internazionale (regolamenti su fallimento, titolo esecutivo europeo, ingiunzione di pagamento e controversie di modesta entità); i principi sovranazionali che regolano il processo civile (diritto e giurisprudenza CEDU e comunitaria).

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Il corso, articolato in n. 2 moduli, è volto a completare la formazione dello studente in chiave (civile) internazionalistica, attraverso l’approfondimento – rispetto ai corsi base di diritto internazionale e di diritto dell’Unione europea – dello studio delle norme di diritto processuale civile internazionale e di diritto internazionale privato, con particolare riguardo alla materia delle obbligazioni (contrattuali ed extracontrattuali).

PROGRAMMA/CONTENUTO

Modulo I – Regole unionali e garanzie sovranazionali del processo civile  Il primo modulo sarà dedicato all’analisi critica (esaminando le teorie della dottrina e gli indirizzi della giurisprudenza) delle vigenti norme di diritto processuale civile internazionale contenute nella L. n. 218/1995, nel diritto dell’Unione europea e nelle convenzioni internazionali. In tale contesto, specifica attenzione sarà riservata:  (i)        alla sistemazione del complesso quadro delle fonti della materia, chiarendone ordine di applicabilità e rapporti reciproci;  (ii)        alle norme  di funzionamento e ai titoli di giurisdizione generali e speciali di cui alla L. n. 218/1995;    (iii) allo “spazio giudiziario europeo”, esaminando contenuti e problematiche applicative – alla luce della giurisprudenza della Corte di Giustizia UE – dei principali atti normativi vigenti nelle materie di interesse (a partire dal Regolamento UE n. 1215/2012); (iv)       al ruolo riconosciuto, dalle fonti esaminate, all’autonomia privata  nella designazione del foro competente, avendo riguardo anche ai lavori della Conferenza dell’Aja di diritto internazionale privato, nonché alla disciplina degli accordi compromissori per la devoluzione delle controversie ad arbitri internazionali; (v)       alle garanzie sovranazionali del processo civile – come  delineate, nell’ambito del Consiglio d’Europea, dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo ed ivi interpretate ed applicate dalla giurisprudenza della Corte di Strasburgo – ed alla loro relazione col diritto interno.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

moduli I e II

Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti frequentanti
Il materiale didattico per la preparazione dell’esame (articoli di dottrina, atti normativi e sentenze) sarà indicato a lezione. In ogni caso, quali testi di riferimento si segnalano: Modulo I S.M. CARBONE, Lo spazio giudiziario europeo, in materia civile e commerciale, Torino, 2015 (limitatamente alle parti che saranno indicate a lezione); Modulo II F. MOSCONI – C. CAMPIGLIO, Diritto internazionale privato e processuale, Vol. primo, parte generale e obbligazioni, Torino, 2013 (limitatamente alle parti che saranno indicate a lezione). Il programma consta, per complessivi 6 crediti, di circa 300 pagine.
Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti non frequentanti 
Per la preparazione dell’esame si consiglia: MOSCONI – CAMPIGLIO, Diritto internazionale privato e processuale, Vol. primo, parte generale e obbligazioni, Milano, 2013, limitatamente alle seguenti parti: capitolo I; capitolo II, sez. I; capitolo III; capitolo IV; capitolo V, sez. I; capitolo VI; capitolo VII. Da integrare con: per Modulo I S.M. CARBONE – I. QUEIROLO, Art. 4 – Accettazione e deroga della giurisdizione, in Trattato
Notarile, Diritto comunitario e internazionale, Vol. I, Diritto internazionale privato,
per Modulo II
(a cura di) F. Preite,
Torino, 2011, pp. 482 – 502; 
F. MARRELLA, Lex mercatoria, in Trattato Trattato Notarile, Diritto comunitario e internazionale, Vol. I, Diritto internazionale privato, (a cura di) F. Preite, Torino, 2011, pp. 169 – 200.  Il programma consta, per complessivi 6 crediti, di circa 420 pagine.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

PIER FRANCO SOLETI (Presidente)

STEFANO DOMINELLI

MARIA ELENA DE MAESTRI

LEZIONI

INIZIO LEZIONI

I SEMESTRE dal 19 settembre al 9 dicembre 2016 (12 settimane)
II SEMESTRE dal 1° marzo al 19 maggio 2017 (12 settimane)


 

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

REGOLE COMUNITARIE E GARANZIE SOVRANAZIONALI DEL PROCESSO CIVILE

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame è orale. Agli studenti frequentanti sarà offerta la possibilità di sostenere due verifiche scritte: la prima a conclusione del Modulo I, la seconda a conclusione del Modulo II.  L’esame orale sarà sempre condotto dal docente titolare dell’insegnamento oltre che da altro docente di ruolo (ovvero da un assegnista con almeno tre anni di ricerca post-laurea) ed avrà una durata minima di quindici minuti.  Le verifiche scritte per gli studenti frequentanti consisteranno in questionari a risposta multipla (per la misurazione delle conoscenze di base), oltre ad una domanda a risposta aperta (per la valutazione delle capacità di analisi e di argomentazione). Il docente titolare dell’insegnamento predeterminerà i criteri per l’attribuzione di punteggi alle varie risposte, tenendo conto della difficoltà dei temi trattati.