FILOLOGIA ARABA I

FILOLOGIA ARABA I

_
iten
Codice
84101
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
6 cfu al 2° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-OR/12
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LINGUE E CULTURE MODERNE )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

 

FILOLOGIA ARABA I

Il corso si prefigge di introdurre gli studenti alla filologia araba in quanto studio dell'origine, dello sviluppo e della struttura della lingua araba come lingua semitica, nonché della cultura espressa da tale lingua.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L'insegnamento introduce alla storia della lingua araba, dalle sue prime fasi allo sviluppo dell'arabo classico (CA), l'emergere dei colloquiali neo-arabi, il fenomeno del Medio arabo, l'arabo moderno e la nascita del Modern Standard Arabic (MSA). Attraverso un approccio storico linguistico e socio linguistico, che tenga conto sia della variazione diacronica che di quella sincronica, il corso si prefigge la rappresentazione dell'arabo come lingua "plurale": una lingua in contatto con altre lingue; una lingua appartenente alla famiglia delle lingue semitiche; una lingua storica, lungo la cui evoluzione si possono riconoscere diverse "fasi". Una lingua "eterogenea", che, in ogni fase del suo sviluppo, può èresentarsi in due o più "varietà", in genere corrispondenti a differenti usi sociali.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

 

Al termine del corso lo studente avrà acquisito conoscenze relativamente all’origine, allo sviluppo e alla struttura della lingua araba, come pure al rapporto tra lingua e cultura. Particolare rilievo sarà dato alla scienza della lingua nel contesto culturale arabo-islamico, alla struttura dell’arabo classico nella tradizione grammaticale araba, al pensiero filologico arabo come patrimonio culturale, nonché all’atteggiamento della comunità linguistica araba nei confronti della lingua araba, la lingua araba come punto di riferimento culturale, la questione della diglossia, il rapporto tra lingua orale e lingua scritta, il medio arabo come espressione orale e scritta, antica e moderna, nel continuum linguistico.

Modalità didattiche

 

Il corso prevede 36 ore di lezione frontale e/o seminariale.

La frequenza è fortemente raccomandata.

PROGRAMMA/CONTENUTO

 

I. LA RELAZIONE LINGUA-CULTURA
- L’atteggiamento della comunità linguistica araba nei confronti della lingua araba
- La lingua araba letteraria come punto di riferimento culturale
- Il pensiero filologico arabo come patrimonio culturale

II. LINGUA ARABA E LETTERATURA ARABA
- Le conseguenze dell’oralità nella cultura e nella lingua araba
- Scrittura e arte della scrittura

III. GLI STUDI LINGUISTICI PRESSO GLI ARABI
- La struttura dell’arabo classico nella tradizione grammaticale araba
- La scienza della lingua nel contesto culturale
- Il quadro epistemologico della linguistica araba in epoca classica
- Scienza e norma
- Grammatica, fiqh, kalām
- Grammatica e logica
- Metodo e interpretazione nella linguistica araba
- La posizione della linguistica araba nella storia del pensiero linguistico

IV. L’ATTEGGIAMENTO VERSO LA LINGUA E LE SUE DIMENSIONI CULTURALI
- Al di là della linguistica
- Apologia della lingua
- La categoria del “genere” nella lingua araba
- Il maṯal: parabole, aforismi, proverbi e sentenze
- La lingua araba e il mito del Beduino ideale

V. LINGUA E CIVILTA': VARIABILI E COSTANTI
- La variazione linguistica in sincronia e diacronia
- Mutamento linguistico e costrizioni culturali
- La variazione linguistica nel mondo arabo
- Linguaggio e autenticità

TESTI/BIBLIOGRAFIA

 

- Anghelescu, N. Linguaggio e cultura nella civiltà araba, edizione italiana a cura di M. Vallaro, Torino: Zamorani, 1993.
- Versteegh, K. The Arabic Language, Edinburgh: Edinburgh University Press, 2001 [1997].

Indicazioni bibliografiche specifiche e materiale integrativo di approfondimento saranno forniti durante il corso.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento:   Il ricevimento ha luogo su appuntamento (gli studenti interessati sono pregati di inviare un e-mail all'indirizzo manuela.giolfo@unige.it).

Commissione d'esame

MANUELA ELISA GIOLFO (Presidente)

FEDERICO SALVAGGIO

ABDELJALIL BENTAJAR

LEZIONI

Modalità didattiche

 

Il corso prevede 36 ore di lezione frontale e/o seminariale.

La frequenza è fortemente raccomandata.

INIZIO LEZIONI

 

Secondo Semestre, a partire da mercoledì 22 febbraio 2017, con il seguente ORARIO:

Mercoledì 12:00-13:00, Polo Didattico, Aula C

Venerdì 14:00-15:00, Polo Didattico, Aula B

Venerdì 15:00-16:00, Polo Didattico, Aula B

ESAMI

Modalità d'esame

 

Prova finale orale

È obbligatoria l’iscrizione online alla prova d’esame finale dal sito d'Ateneo.

Ulteriori informazioni riguardo a modalità e programma d'esame saranno pubblicate su AulaWeb.

Modalità di accertamento

 

La prova finale orale consiste in un colloquio volto a verificare le competenze acquisite durante il corso.

Gli studenti che non abbiano potuto frequentare il corso saranno tenuti a contattare la docente al fine di concordare un programma d'esame per non frequentanti.

ALTRE INFORMAZIONI

 

Prerequisiti: iscrizione valida al secondo anno di corso.