DIRITTO PROCESSUALE DELLE IMPRESE. PROSPETTIVE DI DIRITTO EUROPEO E COMPARATO

DIRITTO PROCESSUALE DELLE IMPRESE. PROSPETTIVE DI DIRITTO EUROPEO E COMPARATO

_
iten
Codice
86888
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
6 cfu al 3° anno di 7995 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/15
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (GIURISPRUDENZA)
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La definizione "diritto processuale delle imprese" appare oggi puramente descrittiva, potendo riferirsi genericamente alle diverse norme processuali specificamente dedicate alle controversie devolute alla competenza delle sezioni specializzate. Pur in assenza di una disciplina unitaria, con il presente corso si intende fornire un quadro d'insieme e una ricostruzione complessiva degli interventi processuali in materia di controversie societarie, antitrust e in materia di diritto industriale.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Tra le tendenze attuali del processo civile italiano si può certo includere la progressiva emersione di un diritto processuale delle imprese. Pur in mancanza di un rito speciale e nell’ambito di interventi settoriali, possono ugualmente essere riscontrate significative similitudini sia nelle modalità con cui il legislatore è progressivamente intervenuto sia sul contenuto di tali interventi. In proposito è innegabile il significativo influsso delle norme internazionali ed europee. Con il presente corso si intende quindi cercare di fornire un quadro d'insieme, se possibile coerente, dei problemi, teorici ma anche pratici connessi alla gestione e alla decisione delle controversie complesse, ossia tipicamente quelle societarie, antitrust e in materia di diritto industriale.

Modalità didattiche

Le lezioni saranno frontali. Stante il carattere specialistico del corso, sarà incentivata la partecipazione attiva degli studenti nel corso delle lezioni

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso si articola in due moduli. Il primo è dedicato all'individuazione degli aspetti, teorici e pratici, di complessità delle controversie societarie, antitrust e in materia di proprietà industriale e intellettuale. In particolare, il corso si incentrerà sull'analisi del ruolo, sempre più attivo e manageriale, del giudice nella gestione delle controversie complesse e sulla sempre più diffusa tendenza verso la specializzazione del giudiziario, in prospettiva europea e comparata. Il secondo modulo, invece, sarà specificamente dedicato all'analisi delle controversie in materia antitrust, con specifico riferimento alle azioni risarcitorie per violazione di norme sulla concorrenza. Nel contesto di un inquadramento teorico e sistematico (anche alla luce dei principi stabiliti in materia della direttiva europea 104 del 2014), una specifica attenzione verrà dedicata ai problemi concretamente connessi alla gestione di una controversia in materia antitrust, individuale o collettiva.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dondi, Ansanelli, Comoglio, Processi civili in evoluzione. Una prospettiva comparata, Milano, Giuffré, 2015, pp. 38-50, 57-69 e 277-352

Giussani, Corso di diritto processuale delle imprese, Bologna, Bononia University Press, 2015

Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno indicate nel corso delle lezioni

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Durante il corso di studi i ricevimenti verranno concordati previo contatto e.mail al seguente indirizzo: vincenzo.ansanelli@unige.it

Ricevimento: Ogni lunedì dalle 10.00 alle 12.00 presso la Sezione di diritto privato del Dipartimento di giurisprudenza in Via Balbi 22, 4° piano.

Commissione d'esame

PAOLO COMOGLIO (Presidente)

VINCENZO ANSANELLI (Presidente)

GIORGIO AFFERNI (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Le lezioni saranno frontali. Stante il carattere specialistico del corso, sarà incentivata la partecipazione attiva degli studenti nel corso delle lezioni

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

L’esame orale sarà finalizzato a verificare che i candidati posseggano una preparazione omogenea e critica su entrambi i moduli del corso. La frequenza e la partecipazione attiva alle lezioni, stante il carattere seminariale del corso, saranno tenute in considerazione ai fini della valutazione finale