FILOLOGIA ROMANZA LM

FILOLOGIA ROMANZA LM

_
iten
Codice
65573
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
6 cfu al 2° anno di 9265 LINGUE E LETTERATURE MODERNE PER I SERVIZI CULTURALI (LM-37) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-FIL-LET/09
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LINGUE E LETTERATURE MODERNE PER I SERVIZI CULTURALI)
periodo
2° Semestre

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento mira ad approfondire la conoscenza dell'origine ed evoluzione delle lingue romanze (limitatamente all'epoca medievale), delle letterature ad esse collegate, dei testimoni che ne conservano i reperti, del modo e dei metodi per custodire, comprendere ed editare i medesimi.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Il corso mira a fornire allo studente le seguenti competenze:

1 - capacità di accedere ai testi letterari medievali nella loro ringua originale

2 - capacità di contestualizzare questi ultimi nel panorama storico-culturale in cui sono stati prodotti

3 - praticare una basilare analisi linguistica e retorica dei testi medesimi

Modalità didattiche

Lezioni in aula con supporti multimediali.
Incontri seminariali tenuti dalla dott. Martina di Febo.

È vivamente consigliata la frequenza. In caso di effettiva impossibilità è possibile concordare personalmente con il docente, durante il ricevimento settimanale, un testo aggiuntivo da preparare per sostenere l’esame.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso avrà come oggetto

«Fantasia e fantasmi. Le fucine medievali del racconto»

e sarà dedicato ad approfondire i legami fra la fantasia e il ricco immaginario a essa riconducibile in base alle teorie medievali della visione: apparizioni illusorie, fate, fantasmi, demoni, creature 'fantastiche' che costituiscono il fulcro essenziale e l'asse portante di una narrativa destinata - con i suoi temi, i suoi motivi, i suoi personaggi, a superare le soglie della nostra contemporaneità.

Il corso sarà completato dal seminario tenuto dalla dott. Martina di Febo: «I revenants nella letteratura medievale».

TESTI/BIBLIOGRAFIA

S. M. Barillari, M. Di Febo (a c. di), Fantasia e fantasmi. Le fucine medievali del racconto, Aicurzio (MB), Virtuosa-mente, 2016.

 M. Di Febo, Mirabilia  e merveille: le trasforma-zioni del meraviglioso nei secoli XII-XV, Macerata, EUM, 2015.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: a partire dal 21 febbraio 2017: mercoledì, ore 11,30-12,30 presso il mio ufficio via Balbi 2, IV piano

Commissione d'esame

MAURA SONIA BARILLARI (Presidente)

MARTINA DI FEBO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni in aula con supporti multimediali.
Incontri seminariali tenuti dalla dott. Martina di Febo.

È vivamente consigliata la frequenza. In caso di effettiva impossibilità è possibile concordare personalmente con il docente, durante il ricevimento settimanale, un testo aggiuntivo da preparare per sostenere l’esame.

INIZIO LEZIONI

Martedì 21 febbraio 2017

ORARIO:

Martedì ore 11-13 aula Imola (Polo didattico)

Mercoledì ore 13-14 aula M (Polo didattico)

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

L'esame consisterà in una verifica orale sui contenuti del corso e sulla bibliografia critica di approfondimento attraverso quesiti formulati dalla Commissione. Al candidato si chiederà di leggere, tradurre e commentare uno o più testi analizzati a lezione nonché di discutere criticamente gli argomenti trattati nel corso degli incontri seminariali. Nella valutazione dell'esame si terrà conto, oltre che della conoscenza del programma da svolgere, anche della capacità espositiva e dell'accuratezza nell’uso del linguaggio specifico della disciplina. 
Gli studenti non frequentanti potranno sostenere l’esame solo dopo aver concordato con il docente lo studio di un testo aggiuntivo.

Le competenze acquisite durante il corso verranno accertate attraverso

1 - prova di traduzione dei brani presentati a lezione

2 - contestualizzazione storico-culturale dei brani medesimi e del loro autore

3 - analisi linguistica e stilistica dei brani