MATEMATICA (MODULO II)

MATEMATICA (MODULO II)

_
iten
Codice
67640
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
4 cfu al 2° anno di 9322 SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA (LM-85 bis) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MAT/04
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

l corso ha come obiettivi: 1) la revisione di contenuti di base sul concetto di funzione, sui suoi usi e  rappresentazioni;   
2)  lo sviluppo di  competenze  didattiche relative alla disciplina; 3) lo sviluppo di capacità di realizzare attività pratiche e riflessioni didattiche critiche e di attuare adeguate strategie di valutazione.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Sviluppare la padronanza (in vista dell'insegnamento) dei sistemi di coordinate e di varie forme di rappresentazione grafica di situazioni e fenomeni, con particolare attenzione alle competenze logico-linguistiche implicate. Saranno prese in considerazione le particolari problematiche per la scuola primaria e per la scuola di infanzia.

Modalità didattiche

Lezioni in presenza, svolte in modalità laboratoriale (schede di lavoro individuali e discussioni collettive).

Frequenza non inferiore ai 2/3 del corso. Compilazione e consegna di schede di lavoro (assegnate durante la lezione o come "compiti a casa"). Redazione e consegna (a turno) degli appunti delle lezioni.

Agli studenti non frequentanti è richiesto lo svolgimento a domicilio delle schede di lavoro guidato del corso.

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

l concetto di funzione come nodo concettuale fondamentale in matematica.
Grafici "empirici": tabelle di dati sperimentali e grafici che le "traducono" nel piano cartesiano, problemi di costruzione e di lettura dei grafici; attendibilità
di un grafico, ottenuto interpolando e/o estrapolando un grafico "per punti", come modello del fenomeno a cui si riferiscono i dati discreti; revisione del piano cartesiano come supporto dei grafici, riferimento cartesiano* e riferimento polare*; modalità alternative di rappresentare le funzioni (tabelle , grafici nel piano cartesiano, corrispondenze tra insiemi*, formule algebriche, ecc.).
La teoria dei campi concettuali di Vergnaud, come costrutto di chiarimento della nozione di "concetto matematico" e di collegamento tra trattazione dei contenuti matematici e sua implementazione didattica.

I contenuti elencati verranno trattati con riferimento alle vigenti indicazioni curricolari e ai problemi di insegnamento-apprendimento che li riguardano, con particolare attenzione per gli aspetti linguistici e di rappresentazione simbolica e iconica.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Durante le lezioni verranno forniti gratuitamente agli studenti i materiali di studio e di lavoro necessari per l'apprendimento; alla fine del periodo delle lezioni, per la preparazione della relazione di esame, saranno resi disponibili gli appunti delle lezioni.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Mercoledì dalle 10 alle 11, aula docenti del DISFOR, previo appuntamento con la docente (morselli@dima.unige.it)

Commissione d'esame

ROSALIA ZUNINO (Presidente)

FRANCESCA MORSELLI (Presidente)

PAOLO BOERO (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni in presenza, svolte in modalità laboratoriale (schede di lavoro individuali e discussioni collettive).

Frequenza non inferiore ai 2/3 del corso. Compilazione e consegna di schede di lavoro (assegnate durante la lezione o come "compiti a casa"). Redazione e consegna (a turno) degli appunti delle lezioni.

Agli studenti non frequentanti è richiesto lo svolgimento a domicilio delle schede di lavoro guidato del corso.

 

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

MATEMATICA (MODULO II)

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consiste in una relazione individuale sul percorso di studio personale, sviluppata a partire dalla revisione critica delle schede di lavoro individuali compilate durante il periodo delle lezioni, e in una prova scritta. Gli studenti non frequentanti devono sostenere una prova scritta con domande aggiuntive.