METODI E TECNICHE DI INTERVENTO RIABILITATIVO PRECOCE

METODI E TECNICHE DI INTERVENTO RIABILITATIVO PRECOCE

_
iten
Codice
84108
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
1 cfu al 2° anno di 9286 TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/48
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:

PRESENTAZIONE

L’esordio psicotico, spesso in età adolescenziale, può comportare riduzione di autonomia del paziente e della famiglia e inibire la formazione di identità e padronanza di sé: mediante l’intervento precoce si può sostenere il paziente nel preservare le proprie capacità, prevenendo demoralizzazione e perdita di autostima, favorendo empowerment e recovery. Per realizzarlo è importante identificare gli aspetti che caratterizzano l’esordio dei disturbi prima che si stabilizzino

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere le basi teoriche, le tecniche cognitive-comportamentali e sviluppare la capacità per la loro applicazione nella riabilitazione psichiatrica, approfondendo la conoscenza dell'organizzazione dei servizi territoriali e del lavoro di rete, dei principali trattamenti riabilitativi basati sull'efficacia e sull'evidenza scientifica, tra cui Social Skill Training, Problem Solving, IPT (Terapia psicologica integrata) e Trattamenti psicoeducativi, oltre che della metodologia d'intervento riabilitativo precoce in psichiatria.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Conoscere le basi teoriche dell’esordio psicotico 
Conoscere metodi e tecniche dell'intervento riabilitativo precoce: presupposti teorici, esperienze nazionali ed internazionali, evidenze
Interpretare i risultati della ricerca psichiatrica alla pratica riabilitativa e collegare i processi di ricerca allo sviluppo teorico della disciplina riabilitativa psichiatrica
Acquisire abilità comunicative adeguate (linguaggio tecnico/scientifico appropriato)

 

Modalità didattiche

L'insegnamento si compone di lezioni frontali , suddivise in tre parti per un totale di 10 ore.
All'interno delle lezioni frontali verranno discussi con gli studenti alcuni casi clinici. 

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

1 Fattori di rischio per l'esordio psicotico
2 Presupposti teorici per l'intervento riabilitativo precoce
3  Esperienze Internazionali ed evidenze
4  Manuale d'intervento precoce: l'esperienza italiana

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Angelo Cocchi, Anna Meneghelli "Rischio ed esordio Psicotico: una sfida che continua - Manuale d'intervento precoce" EDI - ERMES - ed Milano,2012

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

MARCELLA MACCAGNO (Presidente)

VITALBA CASTROGIOVANNI

ROBERTO POZZAR

DEBORA PARIGI

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento si compone di lezioni frontali , suddivise in tre parti per un totale di 10 ore.
All'interno delle lezioni frontali verranno discussi con gli studenti alcuni casi clinici. 

 

INIZIO LEZIONI

Secondo semestre

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame avverrà in forma orale, saranno tema di esame i contenuti espressi durante le lezioni frontali oltre che il testo di riferimento consigliato. 

l'esame si intende superato con una votazione pari o superiore a 18/30   

Modalità di accertamento

Attraverso l'esame verrà valutato se lo studente ha raggiunto un adeguato livello di conoscenze, riguardo a sintomi, patologie e trattamenti riabilitativi. Dovrà dimostrare un'accurata conoscenza delle evidenze scientifiche riguardo i nuovi approcci riabilitativi e la loro attuazione.  Verifica delle competenze comunicative nell'espressione orale.