FISICA APPLICATA III

FISICA APPLICATA III

_
iten
Codice
68244
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
1 cfu al 2° anno di 9294 TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOT (L/SNT3) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
FIS/07
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOT)
periodo
2° Semestre
moduli

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere le metodiche angiografiche e radiologiche interventistiche. Acquisire le competenze tecniche e comportamentali necessarie all’esecuzione di metodiche interventistiche, anche in collaborazione con altre figure sanitarie, le principali tecniche e metodiche usate negli esami in pazienti pediatrici e come relazionarsi con il bambino dal neonato fino all’adolescenza. Acquisire conoscenze tecniche e metodiche che possano garantire un utilizzo adeguato delle apparecchiature messe a disposizione nelle radiologie pediatriche. Conoscere in particolar modo i sistemi da usare per raggiungere una protezione adeguata nei confronti delle radiazioni ionizzanti, in quanto il bambino è il paziente che più di ogni altro risulta sensibile ad eventuali danni provocati dalle radiazioni, quindi è opportuno usare tutti i presidi e gli accorgimenti tecnici per ridurre l’esposizione. Approfondire la conoscenza delle caratteristiche fisiche delle radiazioni ionizzanti (IR): • grandezze fisiche e radiobiologiche e rispettive unità di misura • strumentazione di misura delle IR • nozioni sugli effetti biologici delle IR • le sorgenti radianti utilizzate in ambito sanitario. Acquisire elementi di normativa. Conoscere i fondamenti della protezione dalle IR, la protezione degli operatori, la protezione dei pazienti e gli appropriati indici di dose.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Lo scopo dell’insegnamento è quello di fornire agli studenti conoscenze approfondite sullo stato dell’arte delle apparecchiature di diagnostica convenzionale, medicina nucleare e radioterapia, compresa l’ottimizzazione delle procedure dal punto di vista dosimetrico. 

Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà:

➢ Conoscere i dettagli costruttivi della apparecchiature.

➢ Utilizzare una terminologia corretta nella descrizione delle procedure. 

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, per un totale di 1 CFU  (10 ore frontali e 15 ore di preparazione individuale).

PROGRAMMA/CONTENUTO

Radiodiagnostica:

➢ Risonanza Magnetica

➢ Tomografia Computerizzata

➢ Mammografia

➢ Tomosintesi

Apparecchiature di Medicina Nucleare:

➢ Single Photon Emission Computed Tomography (SPECT)

➢ Positron Emission Tomography (PET) Apparecchiature di Radioterapia:

➢ Linac ➢ Tomotherapy ➢ Sistemi di verifica Image Guided RadioTherapy (IGRT) 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte le slides utilizzate durante le lezioni e altro materiale didattico saranno disponibili su in formato pdf. In generale, gli appunti presi durante le lezioni e il materiale su aulaweb sono sufficienti per la preparazione dell'esame. Per approfondimenti si può fare riferimento alla bibliografia in coda alle slides.

I libri sotto indicati sono suggeriti come testi di appoggio. “Elementi di tecnologia radiologica” di Passariello - Simonetti - Albanese - Bartolozzi - Bazzocchi - Zobel - Cassinis - • 2012

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento Tel. 0105558923 email elena.vaccara@ghsanmartino.it

Commissione d'esame

VINCENZO MONTARULI (Presidente)

ELENA MARIA LUISA VACCARA

ALESSANDRO VALDATA

FRANCESCA MAIURI

MANRICO BALBI

GIAN PIERO CHESSA

GIOVANNI CRESPI

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, per un totale di 1 CFU  (10 ore frontali e 15 ore di preparazione individuale).

INIZIO LEZIONI

Le lezioni fronati sono prevista al secondo semestre di ogni Anno Accademico secondo il calendario preparato dal Coordinatore Teorico Pratico

ESAMI

Modalità d'esame

La prova d’esame consiste in un questionario scritto a risposta multipla.

Modalità di accertamento

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento di ogni argomento verranno dati nel corso delle lezioni. L’esame scritto nella forma di quiz a risposta multipla verterà principalmente sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e avrà lo scopo di valutare se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze sulle procedure illustrate.