MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE

MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE

_
iten
Codice
67018
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
4 cfu al 2° anno di 9297 TECNICHE ORTOPEDICHE (L/SNT3) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/33
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICHE ORTOPEDICHE)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:

PRESENTAZIONE

 

L’Ortopedia e Traumatologia è parte fondamentale della preparazione culturale e professionale del TECNICO ORTOPEDICO; le patologie dell’apparato locomotore rappresentano la più ampia parte di impegno professionale nel futuro lavorativo. La conoscenza completa, appropriata al proprio profilo professionale, delle patologie dell’apparato locomotore, di elezione e di emergenza traumatologica, è il target del modulo di insegnamento.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere le principali problematiche ortopedico-traumatologiche, mediche e soprattutto chirurgiche, dell'età evolutiva ed adulta e le principali condizioni patologiche di interesse reumatologico, correlando le conoscenze nosografiche dei due ambiti con il percorso riabilitativo peculiare e caratterizzante ciascun ambito.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Prof. Felli

Conoscere le principali problematiche ortopedico-traumatologiche, mediche e soprattutto chirurgiche, dell’età evolutiva ed adulta e le principali condizioni patologiche di interesse reumatologico, correlando le conoscenze nosografiche dei due ambiti con il percorso riabilitativo peculiare e caratterizzante ciascun ambito.

Prof. Molfetta

Acquisire conoscenza delle principali patologie di interesse ortopedico e traumatologico, nei loro aspetti generali e particolari, nelle varie fasi della vita, con uno sguardo alle malattie congenite, connatali e dello sviluppo; particolare attenzione alle problematiche del rachide in età evolutiva che costituirà l'argomento professionale più importante. Grande importanza riveste la conoscenza dei principi di traumatologia ed in tale modulo didattico della traumatologia in età evolutiva.

Modalità didattiche

Prof. Felli

Lezioni frontali, attività professionalizzanti

Prof. Molfetta

Lezione frontale con discussione interattiva

PROGRAMMA/CONTENUTO

Prof. Felli

Generalità sulle fratture, Frattura di clavicola, Frattura estremo prossimale omero, Frattura diafisi omerale, Frattura olecrano, Frattura capitello radiale, Frattura avambraccio, Frattura polso, Frattura scafoidecarpale, Fratture della mano, Fratture mediali del collo femorale, Fratture laterali dell’estremo prossimale del femore, Fratture del ginocchio, Lesioni meniscali, Lesioni legamentose del ginocchio, Frattura di gamba, Distorsione di caviglia, Fratture dei malleoli, Frattura dei metatarsali, Ritardo di consolidazione, Pseudoartrosi

Prof. Molfetta

Introduzione all’ortopedia

Patologie congenite

Patologie connatali

Patologie dell’età evolutiva

Patologie del rachide dell’'età evolutiva

Traumatologia: principi generali

Cenni su Osteosintesi

Principali fratture in età evolutiva

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Prof. Felli

Materiale didattico fornito a richiesta

Prof. Molfetta

 Patologia dell’apparato locomotore – Pacini Editore

 Morlacchi Mancini – Ortopedia e Traumatologia

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: RICEVIMENTO STUDENTI:  Gli studenti possono chiedere udienza mediante appuntamento (molfetta@unige.it)  

Commissione d'esame

LAURA MORI (Presidente)

LUIGI MOLFETTA (Presidente)

CARLO MARTINOLI (Presidente)

LAMBERTO FELLI

SABRINA PAOLINO

LEZIONI

Modalità didattiche

Prof. Felli

Lezioni frontali, attività professionalizzanti

Prof. Molfetta

Lezione frontale con discussione interattiva

INIZIO LEZIONI

Prof. Felli

Attività professionalizzanti 6 marzo 2017

Lezioni frontali 26 aprile 2017

Prof. Molfetta

Come da calendario

ESAMI

Modalità d'esame

Prof. Felli

Prova orale

Prof. Molfetta

Esame orale nell’ambito del test di valutazione integrato con voto che fa media ponderata con gli altri docenti

Modalità di accertamento

Prof. Felli

Domande finalizzate alla valutazione dell’apprendimento cognitivo delle conoscenze sulle tematiche affrontate

Prof. Molfetta

Lo studente dovrà dimostrare di conoscere il programma stabilito. Il docente comprenderà nel colloquio il possesso della disciplina.

ALTRE INFORMAZIONI

Informazioni aggiuntive specifiche per l'insegnamento