METODI E TECNICHE RIABILITATIVE PSICHIATRICHE AD ESPRESSIVITÀ CORPOREA

METODI E TECNICHE RIABILITATIVE PSICHIATRICHE AD ESPRESSIVITÀ CORPOREA

_
iten
Codice
66988
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
2 cfu al 3° anno di 9286 TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/48
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA)
periodo
2° Semestre

PRESENTAZIONE

La Riabilitazione Psichiatrica può avvalersi, nello strutturare il Progetto Terapeutico Riabilitativo, personalizzato per ogni paziente e quando indicato, delle così dette Artiterapie, o Terapie Espressive. Tra queste, la Danzamovimentoterapia, e la Danzaterapia Clinica, in particolare, utilizza e propone la messa in gioco corporea degli aspetti dinamici, emozionali, affettivi e relazionali del paziente. 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere i prerequisiti scientifici inerenti le artiterapie e loro potenzialità terapeutico-riabilitative; i principali modelli di tecniche riabilitative grafiche e ad espressività corporea, in particolare teatro e musicoterapia, e la loro applicazione nella progettualità riabilitativa psichiatrica acquisendo competenze di base, di accoglienza e relazione nei laboratori di musicoterapia e teatroterapia, oltre che abilità nella costruzione e nell'uso di strumenti e questionari in ambito espressivo e sonoro-musicale.

Modalità didattiche

Lezione frontale e interattiva, anche attraverso la presentazione di casi clinici, supportati da videoproiezioni esplicative.

Laboratorio esperienziale, con la proposta, da parte della Docente al Gruppo Classe, di Sessioni di Danzaterapia Clinica.

Rielaborazione delle esperienze, integrate con gli spunti teorici offerti, in piccoli gruppi, e in plenaria.

Numero complessivo di ore: 20.

PROGRAMMA/CONTENUTO

La Danzaterapia Clinica è una pratica terapeutica squisitamente non verbale, che si focalizza e favorisce, attraverso un setting molto strutturato, la musica, Oggetti Stimolo e Parole Madri, l’emersione di azioni spontanee e dirette, che, autenticamente, parlano del paziente, e del suo mondo interno. In assenza di giudizio e di interpretazione, la Danzaterapia Clinica lavora sul processo che ciascun paziente sarà in grado di mettere in campo, osservandone le caratteristiche e gli eventuali spazi di evoluzione e crescita personale. Fuori da ambiti performativi ed estetici, la Danzaterapia Clinica invita ciascun paziente a prendere e/o riprendere contatto con le proprie risorse vitali e creativi, nella convinzione che possano essere traslate, poi, nella vita di tutti i giorni.

Il programma:

Che cosa si intende, in generale, per Danzamovimentoterapia: cenni storici, i differenti e principali modelli di riferimento. 

Da dove nasce, e come si sviluppa, la Danzaterapia Clinica. Quali ne sono i principali Strumenti e Obiettivi.

Come, perché, e quando utilizzare la Danzamovimentoterapia, nella progettazione di un percorso riabilitativo: valutazione dell’inserimento del paziente, in base alla diagnosi, al funzionamento, alle attitudini corporee e/o relazionali, affettive ed emotive. 

Che cosa, e come ‘osservare’ il paziente inserito in un’Attività Terapeutico Riabilitativa di Danzaterapia Clinica: la valenza clinica della Metodologia. 

Come valutare gli esiti terapeutici.

Presentazione di Casi clinici, individuali e di gruppo, supportati da videoproiezioni esplicative.

Sperimentazione esperienziale personale, da parte degli Studenti: la Docente proporrà al Gruppo Classe singole e specifiche sessioni di Danzaterapia Clinica, delle quali, poi, verrà fatta opportuna e approfondita analisi, in piccolo gruppo, e in plenaria.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispensa, a cura della Docente.

Galimberti U., Il Corpo, Feltrinelli, Milano, 2014

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

LAURA MARIA PEZZENATI (Presidente)

BARBARA FIOLETTI

BARBARA ZAMPA

GERARDO MANAROLO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezione frontale e interattiva, anche attraverso la presentazione di casi clinici, supportati da videoproiezioni esplicative.

Laboratorio esperienziale, con la proposta, da parte della Docente al Gruppo Classe, di Sessioni di Danzaterapia Clinica.

Rielaborazione delle esperienze, integrate con gli spunti teorici offerti, in piccoli gruppi, e in plenaria.

Numero complessivo di ore: 20.

INIZIO LEZIONI

Secondo semestre

ESAMI

Modalità d'esame

Verrà chiesta, allo Studente, la redazione di una Relazione Finale, dove, in massimo tre cartelle, lo Studente si concentrerà sugli aspetti teorico esperienziali di suo maggior interesse, nel tentativo di integrare quanto appreso con i propri punti di vista.
La Relazione Finale dovrà essere inviata alla Docente, via email, almeno una settimana prima della data dell’Appello d’esame prescelto.

L’esame vero e proprio si svolgerà in forma orale, in presenza, e si svilupperà sulla base della Relazione Finale suddetta, oltre che attraverso domande, volte a verificare l’apprendimento degli insegnamenti teorici. Si ascolterà, con piacere, infine, quanto lo Studente vorrà condividere con la Docente, circa la propria esperienza personale, vissuta durante le Sessioni di Danzaterapia Clinica proposte al Gruppo Classe.

l punteggio verrà attribuito in trentesimi.

Modalità di accertamento

La valutazione terrà conto della capacità dello studente di integrare i concetti teorici studiati con le proprie riflessioni sull’esperienza personale, avvenuta in classe, nel corso delle Sessioni di Danzaterapia Clinica.

 

ALTRE INFORMAZIONI

Gli Studenti sono invitati a presentarsi alle lezioni forniti di abbigliamento comodo e adatto a muoversi con agio, e di calzini antiscivolo.