RIABILITAZIONE NELL'ETÀ EVOLUTIVA

RIABILITAZIONE NELL'ETÀ EVOLUTIVA

_
iten
Codice
66950
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
1 cfu al 2° anno di 9286 TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/48
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:

PRESENTAZIONE

Per molto tempo la riabilitazione in età evolutiva si è principalmente rivolta alle funzioni sensoriali e motorie. L’approccio cognitivo ha evidenziato elementi interpretativi nuovi riguardo i disturbi della funzione-pensiero ed i meccanismi di adattamento, ampliando gli obiettivi anche alle dinamiche comunicative che regolano le relazioni tra la persona disabile e l’ambiente. In questo contesto la Riabilitazione può essere intesa come un processo di apprendimento e di ri-apprendimento corretto 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere gli elementi di base della psicologia dello sviluppo, dello sviluppo psicomotorio ed emotivo-relazionale e sua psicopatologia, i principali disturbi neuropsichiatrici dell'infanzia e dell'adolescenza per il riconoscimento precoce e la prevenzione. Conoscere e analizzare le problematiche relative al così detto handicap e strumenti pedagogico-riabilitativi inerenti. Acquisire le conoscenze sulle specificità riabilitative del bambino e dell'adolescente e le basi per sviluppare capacità di progettare, attuare e valutare interventi preventivi e riabilitativi peculiari.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

A conclusione delle lezioni lo studente dovrà:

• conoscere in modo approfondito le tematiche specificamente legate alla Riabilitazione in età evolutiva, agli interventi psicosociali e di prevenzione con bambini e adolescenti abusati/maltrattati e alla prevenzione e trattamento dei disturbi della condotta

• sapere individuare gli strumenti, le metodologie e le tecniche riabilitative necessarie per sviluppare le competenze di progettazione, di presa in carico e di valutazione di interventi preventivi e riabilitativi di soggetti in fase evolutiva

• conoscere e saper applicare le conoscenze acquisite a lezione, nei diversi contesti sanitari e di cura in cui si troverà a svolgere le proprie prestazioni utilizzando le tecniche e gli strumenti conosciuti

• aver acquisito la terminologia propria della Riabilitazione Psichiatrica che identifica un modo di agire strutturato e specifico

• essere in grado di applicare le sue conoscenze, capacità di comprensione e abilità nel risolvere problemi

• avere la capacità di integrare le conoscenze e gestire la complessità, formulare giudizi sulla base di informazioni limitate o incomplete

• saper comunicare in modo chiaro e privo di ambiguità le sue conclusioni a interlocutori specialisti e non specialisti

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, suddivise in tre parti per un totale di 10 ore

Nel corso delle lezioni si farà frequentemente ricorso ad esemplificazioni cliniche che avranno lo scopo di completare e ampliare i concetti teorici esposti.

PROGRAMMA/CONTENUTO

L’approccio cognitivo ha evidenziato elementi interpretativi nuovi riguardo i disturbi della funzione-pensiero ed i meccanismi di adattamento, ampliando gli obiettivi anche alle dinamiche comunicative che regolano le relazioni tra la persona disabile e l’ambiente. In questo contesto la Riabilitazione può essere intesa come un processo di apprendimento e di ri-apprendimento corretto capace di stimolare e sostenere le risorse adattive in rapporto al processo di sviluppo. Si possono considerare interventi diretti alla funzione (indirizzo neuro-fisiologico); interventi diretti alla rappresentazione (indirizzo neuropsicologico clinico, cognitivo e meta-cognitivo); interventi diretti ai processi di adattamento (indirizzo psicosociale).

Parte 1: rischio psicosociale in età evolutiva: ambiti, definizioni, criteri di valutazione e di intervento

               Rischio psicosociale e salute mentale

               Popolazioni esposte a rischio 

               Aspetti giuridici e legislativi

               Criticità dell’intervento riabilitativo in età evolutiva

               La resilience

               Criteri e strumenti di valutazione

               Obiettivi e strategie dell’intervento

               Etica e limiti dell’intervento riabilitativo

              Misurazione degli esiti degli interventi riabilitativi: problemi metodologici

Parte 2: interventi psicosociali e di prevenzione con bambini e adolescenti abusati/maltrattati

1. Abuso infantile e maltrattamento: definizioni e cenni clinici

Classificazione delle forme di maltrattamento e abuso

                       Patologia della somministrazione delle cure

                       La carenza di cure materne

2. Ambiente e rischio di abuso/trascuratezza

3. Relazioni primarie e rischio psicopatologico nel soggetto abusato/maltrattato in età evolutiva

4. Gli interventi preventivi

Parte 3: prevenzione e trattamento dei disturbi della condotta

1. Rassegna dei programmi Incredible Years

Metodologia di lavoro di gruppo utilizzata nei programmi  IY per genitori, insegnanti e bambini

2. Coping Power Program

Coping Power Program: componente bambini

Coping Power Program: componente genitori

Applicazione del coping Power Program con adolescenti

3. L’intervento multimodale nel trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente

Fattori di rischio 

Trattamento

TESTI/BIBLIOGRAFIA

G.B. Camerini, E. Sechi, “Riabilitazione psicosociale nell’infanzia e nell’adolescenza. Principi ed esperienzr.” Maggioli Editore, 2010 
F. Lambruschi, P. Muratori, “psicopatologia e psicoterapia dei disturbi della condotta”, Carocci Editore, 2013

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Per appuntamenti inviare una mail al seguente indirizzo: piera.morosi@libero.it

Commissione d'esame

ELISA DE GRANDIS (Presidente)

PIERO CAI

PIERA MOROSI

EDVIGE MARIA VENESELLI

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, suddivise in tre parti per un totale di 10 ore

Nel corso delle lezioni si farà frequentemente ricorso ad esemplificazioni cliniche che avranno lo scopo di completare e ampliare i concetti teorici esposti.

INIZIO LEZIONI

Primo semestre

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame verrà svolto in forma orale 

Modalità di accertamento

L’esame verrà svolto in forma orale e verterà sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali; avrà lo scopo di valutare se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze ma anche se ha una buona capacità di esporre il suo personale e critico punto di vista. Lo studente dovrà dimostrare di padroneggiare gli argomenti attraverso un uso proprio e specifico di termini che definiscono il metodo di trattamento, le tecniche e gli strumenti che sono state approfondite nel corso delle lezioni. Particolare attenzione sarà posta alla capacità espositiva e alle abilità comunicative dimostrate dallo studente. 

ALTRE INFORMAZIONI

Nel corso delle lezioni si farà frequentemente ricorso ad esempificazioni cliniche che avranno lo scopo di completare e ampliare i concetti teorici esposti.