PSICOLOGIA CLINICA

PSICOLOGIA CLINICA

_
iten
Codice
66912
ANNO ACCADEMICO
2016/2017
CFU
1 cfu al 1° anno di 9286 TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-PSI/08
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA)
periodo
2° Semestre
moduli

PRESENTAZIONE

L’insegnamento intende sviluppare le nozioni fondamentali di psicologia clinica per capire la relazione con il paziente ed per la comprensione del funzionamento mentale primitivo, attraverso l’ausilio del modello psicodinamico. 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Apprendere: • la nosografia e la semeiotica delle malattie psichiatriche • i principi psicometrici per sviluppare capacità di comprensione e utilizzo degli strumenti di misura nella prassi riabilitativa • la dimensione biologica dei processi mentali; i processi socio-culturali, affettivi e cognitivi coinvolti nei comportamenti sociali • il funzionamento mentale primitivo • la propedeutica per la promozione della salute e della sicurezza di utenti e operatori sanitari. Conoscere le tecniche di base per il soccorso.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Sviluppare le nozioni fondamentali di psicologia clinica e acquisire i principi di psicodinamica e psicoterapia clinica. In modo specifico viene analizzato il modello psicodinamico delle “relazioni oggettuali”.

Conoscenze attese: saper comprendere e spiegare il funzionamento mentale primitivo e il modello interpretativo delle relazioni oggettuali
Competenze: individuare le modalità comportamentali idonee nell’affrontare le diverse espressioni  cliniche 
Abilità/capacità essere in grado di attuare comunicazioni/relazioni idonee in base al contesto   

Modalità didattiche

Modalità frontale con l’ausilio di proiezioni (slide; filmografia)

PROGRAMMA/CONTENUTO

Determinanti della salute.

Modello biopsicosociale e presentazione del modello psicoanalitico.

Definizione, applicazioni e strumenti della psicologia clinica.

Tipologie diagnostiche in psicologia clinica.

Il modello psicodinamico delle “relazioni oggettuali”.

Analisi di alcuni meccanismi di difesa “primitivi”: identificazione proiettiva, diniego, scissione

TESTI/BIBLIOGRAFIA

JAY R. GREENBERG, STEPHEN A. MITCHELL. Le relazioni oggettuali nella teoria psicoanalitica. –Il MULINO, 1987

In aggiunta verrà fornito materiale intergrativo.

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

ANNA ZUNINO (Presidente)

MAURIZIO MARCENARO (Presidente)

MARINA DACCA'

CARLO CHIORRI

LEZIONI

Modalità didattiche

Modalità frontale con l’ausilio di proiezioni (slide; filmografia)

INIZIO LEZIONI

Secondo semestre

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame si svolgerà oralmente. Al candidato verranno fatte tre domande ed ad ogni domanda verrà attribuito un punteggio da zero a 10. La sommatoria dei punteggi ottenuti alle tre diverse domande costituirà il voto finale.

Modalità di accertamento

Viene valutata la capacità di applicare le conoscenze attraverso la presentazione di un caso clinico e viene valutata la capacità espositiva e di sintesi.